Contenuto sponsorizzato

Emergenza pesticidi in Alto Adige, trovati residui nei parchi giochi. L'eurodeputata Evi: "No all'uso dei fondi Ue per contaminare gli spazi pubblici"

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista "Environmental Sciences Europe", nei parchi altoatesini sono presenti tutto l'anno residui di 32 diversi pesticidi. Per questo l'eurodeputata dei Verdi Eleonora Evi ha depositato un'interrogazione: "La Commissione dica quali misure sta adottando per garantire che i fondi della Politica agricola comune non si traducano in contaminazione degli spazi pubblici"

Di Davide Leveghi - 03 marzo 2021 - 11:26

BOLZANO. E' emergenza pesticidi in Alto Adige. Secondo uno studio indipendente condotto da scienziati italiani, austriaci e tedeschi e pubblicato sulla rivista Environmental Sciences Europe (QUI il link), durante tutto il corso dell'anno le aree pubbliche del territorio sono contaminate da pesticidi agricoli, compresi i parchi giochi per bambini.

 

Lo sfruttamento del territorio a fini agricoli, con l'abbondante utilizzo di sostanze chimiche, impatta fortemente sull'ambiente. Per questo l'eurodeputata ex M5S, ora indipendente, Eleonora Evi ha deciso di depositare un'interrogazione chiedendo lumi alla Commissione su quali misure stia adottando per garantire che i fondi della Pac, la Politica agricola comune, non si traducano in contaminazione da pesticidi degli spazi pubblici.

 

Alla base dell'interrogazione, oltre agli studi scientifici, c'è quindi l'emergere di un vero e proprio paradosso, scrive Evi. “L'agricoltura in Alto Adige è finanziata dai soldi dei contribuenti europei tramite la politica agricola comune (Pac), vale a dire che sono gli stessi cittadini a finanziare pratiche che ne danneggiano la salute”. Ma da quali dati l'eurodeputata indipendente, membro titolare in Commissione ambiente, trae le sue conclusioni?

 

Già una precedente ricerca condotta nel 2017 aveva dimostrato la contaminazione da pesticidi nel 45% dei parchi testati – spiega Evi – il nuovo studio, non solo ha identificato la presenza di residui di 32 diversi pesticidi, ma anche la loro persistenza nell'ambiente durante tutto il corso dell'anno. Nello specifico, sono state rilevate sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino (gli interferenti endocrini) associate a diversi tipi di cancro, diabete, infertilità, disturbi dello sviluppo e del comportamento”.

 

L'esposizione a queste sostanze interferisce con lo sviluppo neurologico e ormonale dei bambini e risulta particolarmente pericolosa durante la gravidanza delle mamme. Voglio sottolineare che la relazione fra pesticidi e salute umana è stata ampiamente dimostrata ed è stato più volte riscontrato un nesso causale fra i danni neurologici per l'infanzia e i rischi cancerogeni nella popolazione esposta per motivi occupazionali – prosegue – l' 'effetto deriva' (cioè il movimento del prodotto fitosanitario nell'atmosfera, ndr) dei pesticidi ha conseguenze sanitarie che non possono essere ignorate: le molecole dei pesticidi sono ormai entrate stabilmente nel nostro habitat, contaminano le acque, i terreni, gli alimenti e si ritrovano persino nel latte materno”.

 

“Quello che sta succedendo assume le connotazioni di un vero e proprio paradosso – conclude – ecco perché, con la mia interrogazione, chiedo alla Commissione quali misure stia adottando per garantire che i fondi della Pac non si traducano in contaminazione da pesticidi degli spazi pubblici e chiedo, inoltre, di tener conto degli studi menzionati per tutelare la salute dei cittadini. Ora più che mai è urgente attivarsi per cambiare il modello agricolo attuale, evitando le monocolture e il massiccio utilizzo di pesticidi che queste richiedono”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 aprile - 19:36
Trovati 13 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 38 guarigioni. Sono 1.342 i casi attivi sul territorio provinciale
Ambiente
19 aprile - 18:35
L'incontro tra il plantigrado e l'escursionista, documentato da un video pubblicato da quest'ultimo su Facebook, è avvenuto ieri fra i boschi [...]
Cronaca
19 aprile - 19:27
Le ricerche erano cominciate già ieri ma si erano concluse senza esito. Questa mattina il corpo dell'animale è stato trovato purtroppo senza vita
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato