Contenuto sponsorizzato

I vantaggi e gli svantaggi di installare un montascale in casa

In casa e nei luoghi pubblici rampe di scale, ma anche dossi ed altri ostacoli, possono impedire o rendere particolarmente difficile la vita quotidiana di coloro che hanno problemi di mobilità. Per fortuna oggigiorno ci sono diverse soluzioni in grado di abbattere le barriere architettoniche

Pubblicato il - 21 dicembre 2018 - 17:44

TRENTO. In casa e nei luoghi pubblici rampe di scale, ma anche dossi ed altri ostacoli, possono impedire o rendere particolarmente difficile la vita quotidiana di coloro che hanno problemi di mobilità. Per fortuna oggigiorno ci sono diverse soluzioni in grado di abbattere le barriere architettoniche che impediscono di condurre una vita più serena a persone anziane, disabili o con difficoltà motorie, e non solo per chi usa una sedia a rotelle ma anche per tutti coloro che hanno problemi legati alle articolazioni inferiori.

 

Tra queste soluzioni, la più usata è sicuramente quella di installare un montascale. Ce ne sono di diverse tipologie e variano in base anche al tipo di scala su cui verranno installati e se sono destinati ad uso interno od esterno. Si può scegliere infatti tra montascale a poltroncina e montascale a piattaforma ed il costo varia se devono essere installate su una scala dritta, o su una scala curva.

 

Il montascale a poltroncina è pensato per lo più per chi fatica a camminare o a salire le scale mentre, il montascale a piattaforma (o pedana), è destinato soprattutto a coloro che si muovono su sedia a rotelle. Inoltre, come già detto, i montascale possono essere installati anche su scale esterne offrendo così la possibilità di uscire e non rimanere bloccati in casa.

 

Fondamentale per la scelta del vostro montascale è anche assicurarsi di acquistare il montascale dalla struttura robusta e regolabile, così da poter essere adatto a persone di ogni altezza e peso.

 

Il vantaggio principale di installare un montascale in casa è sicuramente quello di prevenire le cadute di coloro che hanno difficoltà motorie e di permettere alle persone su sedie a rotelle di spostarsi liberamente in casa propria. Senza contare che, avere un montascale in casa, permette alle persone con difficoltà motoria di rimanere nella propria abitazione e di non essere costrette a doversi trasferire in una casa senza scale o, addirittura, di trasferirsi in case di riposo o in altre strutture sociosanitarie.

 

Inoltre i montascale sono molto utili anche per spostare e trasportare oggetti. Non soltanto per quanto riguarda oggetti pesanti, ma anche oggetti ingombranti che limitano la visuale e che per questo possono far inciampare e cadere dalle scale, sia in salita che in discesa. Nonostante i benefici che si possono ottenere con l’installazione di un montascale in casa, ci sono però alcuni aspetti che devono essere considerati.

 

Innanzitutto l’ingombro. Molto spesso, quando si pensa ai montascale, si pensa a quei modelli ingombranti che occupano non poco spazio in casa. In realtà, però, i montascale moderni sono salva-spazio. Sono tutti pensati in modo tale da non occupare troppo spazio in casa e che, a prescindere dal tipo di scala su cui vanno installati, lascino la superficie necessaria per l’utilizzo regolare della scala.

 

Inoltre bisogna considerare l’idea di acquistare un montascale solo quando davvero necessario. Infatti, per le persone anziane con qualche difficoltà motoria ma comunque ancora abbastanza autonome, l’installazione precoce di un montascale può causare una sorta di “impigrimento”. Bisogna ricordare, infatti, che l’attività fisica è fonte di benefici non soltanto fisici ma anche psico-emotivi. Quindi è bene eliminare le scale solo quando strettamente necessario.

 

Molto importante da considerare è, ovviamente, anche il prezzo. Infatti il costo di un montascale per scale dritte va, indicativamente, dai 4.000 ai 7.000 € mentre quello di un montascale per scale curve va dai 9.000 ai 15.000 €, infine il costo di un montascale per esterni va dai 5.000 ai 6.000 euro.

 

Nonostante i prezzi possano spaventare, oltre ai benefici sopracitati, c’è da considerare che si tratta di un investimento a lungo termine e che, sia per l’acquisto che per l’installazione di un montascale, è possibile usufruire di vantaggi fiscali e finanziamenti.

 

Vi sono infatti delle norme che prevedono agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni abitative e per l’abbattimento di barriere architettoniche. Queste agevolazioni riguardano montascale a poltroncina, pedane elevatrici per disabili e mini ascensori per la casa che hanno l’Iva agevolata al 4%.

 

Inoltre è possibile detrarre dall’imposta lorda un importo pari al 19% dell’intera spesa sostenuta (in base all’art. 13-bis del DPR n° 917 del 22/12/1986 e successive modifiche) per tutti i contribuenti facenti parte della categoria delle persone disabili, con una minorazione fisica, psichica o sensoriale, con difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa, e anche per tutti coloro che hanno fiscalmente a carico la persona portatore di handicap.

 

Per di più è possibile detrarre un importo pari al 50% della spesa sostenuta fino ad un massimale di 96.000 euro per singola unità immobiliare (Art. 16-bis del D.P.R. 917/1986) se il contribuente decide di installare un montascale o una piattaforma elevatrice in un immobile di proprietà o in uso, usufrutto, abitazione, locazione, comodato, a prescindere dal suo stato di salute.

 

In merito ai contributi, invece, la legge n° 13/1989 prevede dei finanziamenti per l’installazione di montascale, da parte dello Stato ed erogati dalla Regione, per il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 05:01

Il governatore del Trentino intende incontrare il ministro pentastellato, che aveva impugnato il ddl lupo della precedente giunta provinciale, per avviare un confronto e risolvere le criticità. Dorfmann: "Dicotomia tra le aree di montagna e le zone rurali da un lato contro le popolazioni metropolitane dal maggior peso elettorale e che non comprendono le nostre difficoltà dall'altro"

18 gennaio - 11:57

Entrambe sono state trasportate all'ospedale Santa Chiara fortunatamente con ferite lievi. Sul posto i carabinieri e i vigili del fuoco 

18 gennaio - 11:07

A prendere fuoco una lampada o una presa sul balcone, poi gli scuri e il tetto della mansarda. Il comandante Acler: ''Per spegnere l'incendio al lavoro circa 60 uomini. Alle 23 sopralluogo con la termocamera''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato