Contenuto sponsorizzato

La mail art sbarca a Trento. Le cartoline raccontano storie curiose al The social stone

La mail art, arte postale, viene curata ed esposta da Renata di Palma (da anni curatrice del progetto) e Paola Toffolon, artista veneta. Ma cos’è la mail art? L’arte postale è un movimento artistico che distribuisce le opere per posta
Dal blog di Alda Baglioni - 13 marzo 2019 - 18:23

Un progetto internazionale a Trento. La mail art, arte postale, viene curata ed esposta da Renata di Palma (da anni curatrice del progetto) e Paola Toffolon, artista veneta. La mostra di arte postale e di alcuni libri di artista, si terrà al “The Social Stone”, in via Gorizia 18 (zona Bolghera), sabato 16 marzo 17.30, fino al 20 aprile.

 

Il tema: “La vita è quel che ti accade mentre sei impegnato a fare altri progetti”. Verso tratto da una canzone di John Lennon, “Beautiful boy”.

 

Ma cos’è la mail art? L’arte postale è un movimento artistico che distribuisce le opere per posta. Le cartoline vengono inviate da tutto il mondo. 

 

Una ricerca artistica planetaria all’insegna della libertà e della creatività. Ma la mail art viene uccisa dall’arrivo della posta elettronica o la manualità del fare non finirà mai? Una conferma: la notevole affluenza di opere spedite.

 

Al di fuori dell’arte ufficiale il circuito viene mosso da migliaia di menti che fanno ricerca per fare Arte. Tante storie curiose chiuse in una cartolina, divertono e coinvolgono.

 

Tutte le opere vengono esposte, senza selezione. Il rito di inviare cartoline, icona di un passato, recente, è un mezzo per trasmettere un messaggio di amicizia che supera le distanze geografiche ed anche ideologiche. Uno scambio di idee dove l’Arte si misura con se stessa.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato