Contenuto sponsorizzato

L'eccellenza femminile alla mostra del cinema di Venezia, sono molto attesi i due film in concorso delle registe Susanna Nicchiarelli ed Emma Dante

Un lato positivo del post lockdown è la solidarietà tra Festival. Otto direttori di Festival all’inaugurazione della Mostra di Venezia sono un forte messaggio per sostenere il cinema ed il personale che vive attorno a questo settore
DAL BLOG
Di Alda Baglioni - 04 settembre 2020

Insegna arte al Bonporti con chaplin nel cuore

La Mostra profuma di donna. In questi primi giorni la presenza femminile è una certezza. Dalla presidentessa della giuria l’attrice premio Oscar Cate Blanchett alle donne in regia e nei soggetti dei film scelti. Alla 77ma Mostra del cinema di Venezia sembra tutto ruoti attorno alle figure femminili e non solo nelle solite presentazioni dell’attrice bella e brava.

 

Il  Leone d’oro alla carriera assegnato all’attrice, premio Oscar, Tilda Swinton, conferma l’immagine di lei: una donna determinata e tenace che fluttua con il suo vestito rosso favola, nel corto “La voce umana” (dal testo di Cocteau) presentato da Pedro Almodovar

 

Il regista ha spesso indagato sull’intimità della donna rendendola  protagonista dei suoi film. Alla Mostra, pochi i divi internazionali e diminuiti i film. Quattro film italiani in concorso, due di donne registe con protagoniste femminili.

 

Un lato positivo del post lockdown è la solidarietà tra Festival. Otto direttori di Festival all’inaugurazione della Mostra di Venezia sono un forte messaggio per sostenere il cinema ed il personale che vive attorno a questo settore.

 

Si riparte, con cautela, per esempio tantissimi controlli e la mascherina si deve indossare sia intorno alla zona rossa sia in sala, giustamente. Le figure femminili non mancano in concorso e fuori. Greta Thunberg è la protagonista assoluta in “Greta” di Nathan Grossman presentato fuori concorso.

 

Lei con la sua tenacia ha messo in primo piano il clima del pianeta ed i suoi devastanti cambiamenti che stiamo subendo giorno dopo giorno. Il regista ha voluto mettere assieme la storia dell’universo di Greta, una piccola immensa storia.

 

Il cinema ha bisogno di presenze femminili che restino nell’immaginario collettivo. Sono molto attesi i due film in concorso delle registe Susanna Nicchiarelli ed Emma Dante

 

Miss Marx” diretto dalla Nicchiarelli (interessante il suo film “Nico”) parla di Eleanor la figlia minore di Carlo Marx. Tra le prime femministe Eleanor, l’attrice è Romola Garai, combatte per affermare i propri diritti, contro il lavoro minorile. Dodici donne crescono invece attorno alla storia corale palermitana di Emma Dante.

 

La regista lirica e teatrale è attesa fra qualche giorno al Lido con il film in concorso Le sorelle Macaluso” da una pièce teatrale scritta da lei. Emma Dante è al suo secondo film in concorso a Venezia (il primo pluripremiato sette anni fa “Via Castellana Bandiera”).

 

La sua città Palermo è il luogo della sua memoria che rivive con le attrici in tre fasi della loro vita, infanzia, maturità, vecchiaia. Donne senza tempo, nel profumato universo del cinema.

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
20 aprile - 09:55
Poco più di una settimana fa un ciclista nell'Alto Garda è stato scaraventato in un fosso dopo essere stato urtato da un [...]
Cronaca
19 aprile - 20:57
Sono 1.342 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 21 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 38 guarigioni dal [...]
Politica
20 aprile - 06:01
Secondo il Tribunale di Trento la Giunta Fugatti, per l’accesso alle graduatorie Itea, aveva imposto agli stranieri dei criteri discriminatori e [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato