Contenuto sponsorizzato

''È simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche''

Prosegue la lettura del vangelo secondo Matteo in modo cursivo: la porzione di questa domenica segue direttamente quella letta la scorsa settimana. Gesù è ancora intento ad istruire i discepoli sul Regno dei cieli, attraverso delle similitudini
DAL BLOG
Di Alessandro Anderle - 25 luglio 2020

Laureato in Filosofia e laureando in Scienze Religiose. Insegno Pluralismo e dialogo fra le religioni,

Mt 13,44-52 [In quel tempo] Gesù espose un'altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo. Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra. Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche».

 

Prosegue la lettura del vangelo secondo Matteo in modo cursivo: la porzione di questa domenica segue direttamente quella letta la scorsa settimana. Gesù è ancora intento ad istruire i discepoli sul Regno dei cieli, attraverso delle similitudini. In questa narrazione ne troviamo tre: «il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo»; «il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose» ed «il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare».

 

La prima cosa che si può notare è che, evidentemente, il Regno dei cieli rimane un mistero indefinibile, ma non inesprimibile. Gesù utilizza diverse immagini per accompagnare l'uditorio alla comprensione, immagini semplici, tratte – come le parabole – dall'esperienza della vita quotidiana. Ma cosa possiamo dire sulla scorta di queste tre similitudini?

 

Prima di tutto che il Regno dei cieli è una realtà che attira l'uomo, ma che ha bisogno di essere cercata. Il Regno è sempre presente, nascosto in un campo, celato dalla natura come una perla preziosa. È necessario aprirsi alla ricerca, e per questo servono certi “strumenti”: saper riconoscere una perla per il suo valore intrinseco e, soprattutto, una volta trovata è necessario saperla estrarre. Nessuna realtà iniziatica: il riconoscimento non è frutto di una rivelazione “segreta”, ma di un incontro vivo, che si nasconde al centro dell'esistenza.

 

Allo stesso tempo, però, il Regno dei cieli è simile ad una rete: è presente attorno all'uomo, come la rete per i pesci, ma non è immediatamente individuabile. E come per i pesci, anche il Regno dei cieli si offre a tutti, il Padre è un pescatore che vorrebbe raccogliere tutti i pesci nella sua rete, nel suo amore, nella salvezza di questo amore.

 

L'ultima similitudine riguarda gli scribi, una categoria particolarmente importante nella cultura e nella società giudaica del tempo di Gesù. Lo scriba era colui che si occupava della Torah, della legge di Mosè: ne erano i maggior conoscitori, e la loro interpretazione era ritenuta, spesso, legge a sua volta (se non nell'accezione “religiosa”, sicuramente in quella civile – distinzione peraltro moderna). Per questo lo scriba che fosse divenuto discepolo del Regno dei cieli avrebbe estratto «dal suo tesoro cose nuove e cose antiche»: non avrebbe cancellato o abolito la tradizione, la Torah di Mosè, ma l'avrebbe letta alla luce del Regno. Forse il segreto per estrarre la perla è proprio questo: riconoscerne il valore, mettendosi in ascolto della rivelazione di Gesù (cose nuove), ed allo stesso tempo valorizzare la tradizione (cose vecchie), che mi insegna come acquisire questa gioia.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 20:38

Sono 460 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 297 positivi a fronte dell'analisi di 4.323 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

26 novembre - 19:51

Mentre i contagiati comunicati da Fugatti e Segnana sono in costante calo, superati quasi ogni giorno dai guariti, il dato completo che comprende anche gli antigenici è meno rassicurante

26 novembre - 19:16

Il presidente ha fatto il punto sullo stato del contagio in Trentino spiegando che i dati sono buoni tranne quelli sulle ospedalizzazioni e le terapie intensive che sono in leggero peggioramento rispetto alla prossima settimana

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato