Contenuto sponsorizzato

Simchat Torah – la Festa della Torah, tanti auguri al popolo ebraico

In questi giorni è prescritto che ogni famiglia costruisca una capanna (vengono allestite “simbolicamente” anche sulle terrazze fuori casa) per ricordare la permanenza del popolo, sotto la guida di Mosè, nel deserto, che è avvenuta in seguito alla liberazione dalla schiavitù in Egitto.
Dal blog di Alessandro Anderle - 13 ottobre 2017 - 15:28

Per il popolo ebraico si va concludendo una delle festività più importanti dell'anno liturgico, Sukkot, nota anche come festa dei Tabernacoli o delle Capanne. I giorni in cui si svolge questa festa, in particolare la durata, cambia per gli ebrei che si trovano in Terra d'Israele oppure per coloro che si trovano in “diaspora”, cioè fuori dalla Terra Santa.

 

In questi giorni è prescritto che ogni famiglia costruisca una capanna (vengono allestite “simbolicamente” anche sulle terrazze fuori casa) per ricordare la permanenza del popolo, sotto la guida di Mosè, nel deserto, che è avvenuta in seguito alla liberazione dalla schiavitù in Egitto.

 

In questo periodo i famigliari si ritrovano nella capanna almeno per consumare i pasti della giornata (ma le tradizioni possono variare).

 

L'ultimo giorno di Sukkot è divenuto particolarmente importante nella tradizione giudaica, poiché in esso ricorre Simchat Torah, che in ebraico significa “gioia della Torah”. Come è noto, la liturgia sinagogale prevede, nei giorni di Shabbat-sabato, la lettura del Pentateuco-Torah: i primi cinque libri che compongono la Bibbia ebraica e l'Antico Testamento (Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio).

 

La Torah, che secondo la tradizione ebraica contiene gli insegnamenti di Mosè, ricopre un ruolo centrale nella vita del pio ebreo, per questo motivo la sua lettura deve avvenire ininterrottamente. A Simchat Torah, infatti, si termina la lettura del libro del Deuteronomio, ma allo stesso tempo si riprende direttamente la lettura del libro di Genesi.

 

È usanza – anche se non particolarmente antica – che in questo giorno sia data la possibilità a tutti (gli uomini) di leggere in sinagoga gli ultimi versetti del Deuteronomio. Colui il quale viene indicato per leggere l'ultima parte (Dt 34,1-12), viene chiamato Hatan Torah (sposo della Torah); mentre colui al quale viene affidato il privilegio di ricominciare la lettura di Genesi, viene chiamato Hatan Bereshit (sposo della Genesi).

 

Il sabato successivo (domani), la lettura della Torah riprenderà dall'inizio della Genesi, ignorando i versetti già letti a Simchat Torah.

 

Anche in questo caso le usanze, per quanto riguarda i festeggiamenti, possono variare da comunità a comunità. Generalmente la sera di Simchat Torah, conclusa la lettura, i Sefarim – rotoli – vengono portati in processione, accompagnati dal canto di inni diversi per ogni rotolo.

 

Dal XV secolo, inoltre, molti rabbini permisero dei balli in sinagoga per la celebrazione della Festa della Torah.

 

Nuovamente auguri al popolo ebraico.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 luglio - 19:21

Attacco a 360 gradi sulle scelte operate dalla giunta: dall’aumento delle tasse al bonus per la natalità che andrebbe ripensato, nel mirino anche “La riforma scolastica improvvisata” e l’eliminazione dal bilancio dei fondi per la cooperazione internazionale: “Un clamoroso autogol per il Trentino”

20 luglio - 15:42

Il leader del M5S lancia un messaggio distensivo all'alleato di Governo. Oggi Di Maio ha preso parte all'assemblea degli iscritti che si è tenuta a Trento al Centro Santa Chiara 

20 luglio - 12:58

Dopo la discussione social e la capogruppo della Lega accusata di diffondere notizie incomplete e di risposte con affermazioni molto pesanti, il movimento femminile del Patt prende posizione. La Lega ribatte e il Pd solidarizza con le stelle alpine: "Basta con questo linguaggio offensivo e becero del carroccio. Non attaccano sul contesto, ma in base a quello che fa più presa sull'elettorato"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato