Contenuto sponsorizzato

Automezzo militare si incendia con 40 quintali di tritolo a bordo

CRONACHE INATTUALI/3 I militari avrebbero dovuto trasportare il tritolo dalla polveriera di Monte Brione alla stazione di Trento. Il viaggio si interrompe però alla centrale di Ponale
La centrale di Ponale
DAL BLOG
Di Carlo Martinelli - 30 settembre 2016
Giornalista, scrittore, ex libraio, campione di telequiz. E’ autore di “Storie di pallone e bicicletta“, “Un orso sbrana Baricco” e "Campo per destinazione - 70 storie dell'altro calcio"...

Lunedì, 28 marzo 1960. Un automezzo con un carico di 40 quintali di tritolo si incendia, alle dieci del mattino, sulla strada che da Nago sale a Loppio. Il camion guidato dal 34enne Angelo Frigerio da Milano con a bordo l’artificiere del Genio militare di Bolzano, Pio Valente da Vicenza, era partito dalla polveriera di Monte Brione diretto alla stazione ferroviaria di Mori, dove il carico di esplosivo doveva essere trasportato su un treno merci diretto a Trento.

 

Al passaggio dell’autocarro sotto la campata dell’elettrodotto che trasporta la corrente della centrale del Ponale, il cavo più basso della linea ad alta tensione, che sovrasta la strada ad un’altezza di circa 20 metri, si trancia e un troncone del filo cade sul telone del camion e appicca il fuoco.

 

Il Frigerio e il Valente si accorgono del grave pericolo e tentano inutilmente di spegnere le fiamme con estintori a schiuma. Si allontanano dando l’allarme e provvedono a bloccare il transito nelle due direzioni sulla strada nazionale.

 

Il tritolo, avvolto in pannelli cubici protetti da involucri, prende fuoco e le fiamme, dopo aver distrutto l’automezzo, si estendono alle adiacenze bruciando per un raggio di 30 metri la vegetazione circostante.

 

Una curiosità:  pochi minuti dopo l’incidente transita sulla strada il sottosegretario al commercio estero, il senatore Giovanni Spagnolli, partito da Rovereto e diretto a Riva del Garda. Il parlamentare della Democrazia Cristiana - dal 1953 per 23 anni eletto nel collegio di Rovereto, dal 1974 al 1976 sarà presidente del Senato - ritorna a Loppio, dove telefona ai vigili del fuoco e ai carabinieri di Riva che accorrono immediatamente sul posto e provvedono a domare il pericoloso incendio.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato