Contenuto sponsorizzato

Automezzo militare si incendia con 40 quintali di tritolo a bordo

CRONACHE INATTUALI/3 I militari avrebbero dovuto trasportare il tritolo dalla polveriera di Monte Brione alla stazione di Trento. Il viaggio si interrompe però alla centrale di Ponale
La centrale di Ponale
DAL BLOG
Di Carlo Martinelli - 30 settembre 2016
Giornalista, scrittore, ex libraio, campione di telequiz. E’ autore di “Storie di pallone e bicicletta“, “Un orso sbrana Baricco” e "Campo per destinazione - 70 storie dell'altro calcio"...

Lunedì, 28 marzo 1960. Un automezzo con un carico di 40 quintali di tritolo si incendia, alle dieci del mattino, sulla strada che da Nago sale a Loppio. Il camion guidato dal 34enne Angelo Frigerio da Milano con a bordo l’artificiere del Genio militare di Bolzano, Pio Valente da Vicenza, era partito dalla polveriera di Monte Brione diretto alla stazione ferroviaria di Mori, dove il carico di esplosivo doveva essere trasportato su un treno merci diretto a Trento.

 

Al passaggio dell’autocarro sotto la campata dell’elettrodotto che trasporta la corrente della centrale del Ponale, il cavo più basso della linea ad alta tensione, che sovrasta la strada ad un’altezza di circa 20 metri, si trancia e un troncone del filo cade sul telone del camion e appicca il fuoco.

 

Il Frigerio e il Valente si accorgono del grave pericolo e tentano inutilmente di spegnere le fiamme con estintori a schiuma. Si allontanano dando l’allarme e provvedono a bloccare il transito nelle due direzioni sulla strada nazionale.

 

Il tritolo, avvolto in pannelli cubici protetti da involucri, prende fuoco e le fiamme, dopo aver distrutto l’automezzo, si estendono alle adiacenze bruciando per un raggio di 30 metri la vegetazione circostante.

 

Una curiosità:  pochi minuti dopo l’incidente transita sulla strada il sottosegretario al commercio estero, il senatore Giovanni Spagnolli, partito da Rovereto e diretto a Riva del Garda. Il parlamentare della Democrazia Cristiana - dal 1953 per 23 anni eletto nel collegio di Rovereto, dal 1974 al 1976 sarà presidente del Senato - ritorna a Loppio, dove telefona ai vigili del fuoco e ai carabinieri di Riva che accorrono immediatamente sul posto e provvedono a domare il pericoloso incendio.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 12:15

La Uil invita quindi il vescovo Lauro Tisi a valutare la possibile di cedere quel patrimonio che la curia non intende più utilizzare. Alotti: "Sarebbe un'ottima scelta dal punto di vista ambientale e sociale. Una soluzione per interrompere il consumo di suolo, incentivare i lavori di edilizia pubblica, le ristrutturazioni, e aumentare in modo rilevante l’offerta di alloggi"

23 settembre - 11:53

Ovunque si organizzano comitati intimoriti dall'arrivo della nuova tecnologia (anche a Dro dove sono state raccolte oltre 400 firme) e dal fatto che verranno installate nuove antenne per supportarla convinti che ciò aumenterà l'inquinamento elettromagnetico. In realtà è proprio il contrario. Ce lo spiegava l'ex direttore del nodo italiano degli Eit, Roberto Saracco, e ora lo spiega anche la principale associazione a tutela dei consumatori

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, venerdì sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato