Contenuto sponsorizzato

Giorgio Lucchi, un trentino esperto di funghi a "Lascia o Raddoppia"

CRONACHE INATTUALI/5. Storia di un insegnante di Cles che nel 1956 ebbe il suo momento di gloria nel quiz di Mike Bongiorno e che l'anno successivo balzò ancora agli onori della cronaca ancora una volta per un fungo
DAL BLOG
Di Carlo Martinelli - 16 dicembre 2016
Giornalista, scrittore, ex libraio, campione di telequiz. E’ autore di “Storie di pallone e bicicletta“, “Un orso sbrana Baricco” e "Campo per destinazione - 70 storie dell'altro calcio"...

Corsi e ricorsi. Giorgio Lucchi, insegnante di Cles - un tipo ruvido, tutto montagna e concretezza - conosce un momento di notorietà nel 1956. E' uno dei concorrenti a "Lascia o raddoppia", il gioco televisivo a quiz condotto da Mike Bongiorno che segna in modo indelebile il costume italico. La materia per la quale si presenta è assai dolomitica: i funghi. Ma cade alla settima domanda. Lo tradisce la amanita junguilla.

 

 

Ma le vicende della vita sono strane. Il 16 aprile dell'anno dopo Mario Lucchi torna alla ribalta della stampa nazionale. Le cronache raccontano: "Un rarissimo esemplare di fungo spugnola è stato trovato dal maestro Giorgio Lucchi in un bosco di conifere nella zona di Cles. Il rinvenitore è lo sfortunato concorrente di "Lascia o raddoppia" caduto nel corso di una delle prime domande. La spugnola rinvenuta è alta ben 19 centimetri e pesa tre chili e mezzo. Va tenuto presente che detta specie non sorpassa mai i cinque - sei centimetri e il mezzo etto di peso".

 

 

Impossibile negare che il maestro Giorgio Lucchi non conoscesse a fondo la sua materia, a dispetto della domanda senza risposta.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 12:15

La Uil invita quindi il vescovo Lauro Tisi a valutare la possibile di cedere quel patrimonio che la curia non intende più utilizzare. Alotti: "Sarebbe un'ottima scelta dal punto di vista ambientale e sociale. Una soluzione per interrompere il consumo di suolo, incentivare i lavori di edilizia pubblica, le ristrutturazioni, e aumentare in modo rilevante l’offerta di alloggi"

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, venerdì sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

23 settembre - 10:49

E' successo questa mattina attorno alle 9. Sul posto gli agenti della polizia delle Giudicarie, la Croce Rossa e i vigili del fuoco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato