Contenuto sponsorizzato

Giorgio Lucchi, un trentino esperto di funghi a "Lascia o Raddoppia"

CRONACHE INATTUALI/5. Storia di un insegnante di Cles che nel 1956 ebbe il suo momento di gloria nel quiz di Mike Bongiorno e che l'anno successivo balzò ancora agli onori della cronaca ancora una volta per un fungo
Dal blog di Carlo Martinelli - 16 dicembre 2016 - 12:29

Corsi e ricorsi. Giorgio Lucchi, insegnante di Cles - un tipo ruvido, tutto montagna e concretezza - conosce un momento di notorietà nel 1956. E' uno dei concorrenti a "Lascia o raddoppia", il gioco televisivo a quiz condotto da Mike Bongiorno che segna in modo indelebile il costume italico. La materia per la quale si presenta è assai dolomitica: i funghi. Ma cade alla settima domanda. Lo tradisce la amanita junguilla.

 

 

Ma le vicende della vita sono strane. Il 16 aprile dell'anno dopo Mario Lucchi torna alla ribalta della stampa nazionale. Le cronache raccontano: "Un rarissimo esemplare di fungo spugnola è stato trovato dal maestro Giorgio Lucchi in un bosco di conifere nella zona di Cles. Il rinvenitore è lo sfortunato concorrente di "Lascia o raddoppia" caduto nel corso di una delle prime domande. La spugnola rinvenuta è alta ben 19 centimetri e pesa tre chili e mezzo. Va tenuto presente che detta specie non sorpassa mai i cinque - sei centimetri e il mezzo etto di peso".

 

 

Impossibile negare che il maestro Giorgio Lucchi non conoscesse a fondo la sua materia, a dispetto della domanda senza risposta.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 05:01

Andrea Mazzarese, segretario regionale Sinappe, lancia l'allarme: "Gli agenti di polizia penitenziaria costretti a lavorare con l'illuminazione di un faretto che ci è stato lasciato provvisoriamente dai vigili del fuoco e in cinque sezioni manca anche la videosorveglianza"

21 gennaio - 12:57

Katia Rossato negli scorsi giorni ha fatto un post contro il Comune che ha detto no all'introduzione della pistola elettrica a Trento. Il Taser però diventa Teaser (una pubblicità, un trailer) per la consigliera che non legge e il marito (l'attivista Demattè) compie lo stesso errore mentre ieri attaccava il Dolomiti per una presunta fake news collezionando l'ennesima figuraccia

21 gennaio - 10:37

Il 43enne perito elettrotecnico, si occupava della gestione di centrali e di una diga. Appassionato di sport, suonava il trombone. Il ricordo dei compagni: ''Sconvolti, rimarrai nella nostra musica''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato