Contenuto sponsorizzato

In Libano con i profughi siriani, con l’acqua sotto i piedi e il dolore di non aver detto addio a tua madre

Oggi B. ha una bellissima famiglia, sua moglie W. e quattro bambini, di cui uno purtroppo è morto ancora neonato, in Libano. A dicembre, purtroppo, è giunta dalla Siria la notizia che la mamma di B. è mancata. Quando B. è venuto a saperlo è diventato un’altra persona
DAL BLOG
Di Centro Astalli Trento - 04 maggio 2019

Per saperne di più su di noi, vienici a trovare nel nostro sito http://www.centroastallitrento.it/

di Angela Tognolini

 

Dallo scoppio della guerra in Siria centinaia di migliaia di uomini, donne e bambini sono fuggiti dai bombardamenti, dalla crudeltà dell’Isis, dal dittatore Assad che riconquistava lentamente le città e imponeva l’ordine con il terrore. Più di un milione di profughi siriani si sono riparati in Libano, ma il Libano non è un buon rifugio. Il paese è povero, non c’è abbastanza lavoro, il governo è alleato di Assad e cerca chi è fuggito per evitare la leva. I profughi vivono in campi sovraffollati oppure in edifici in costruzione senza acqua né luce.

 

Non c’è abbastanza da mangiare e se qualcuno si ammala non viene curato. I siriani rimasti in Libano sono tra le vittime più vulnerabili della guerra: famiglie con bambini piccoli, malati, anziani. Non possono proseguire la fuga per cercare una speranza altrove perché i loro famigliari non ce la farebbero. Anche per i profughi siriani intrappolati in Libano, però, c’è una speranza, per quanto flebile. Alcuni di loro, pochissimi purtroppo, possono accedere al programma dei Corridoi Umanitari e viaggiare legalmente verso l’Italia, dove troveranno accoglienza e una nuova vita. L’associazione Centro Astalli Trento ha avuto il privilegio di accogliere alcune di queste persone nel 2018 e nel 2019. Tre famiglie, legate da parentela, con i loro bambini.

 

Durante le prossime settimane, prima e dopo l’assemblea dei nostri soci che avrà come tema i Corridoi Umanitari, vi racconteremo le testimonianze di chi lavora con questo progetto. Le testimonianze degli operatori del Centro Astalli Trento che sono andati a prendere queste famiglie in Libano per portarle in Italia, e quelle dei volontari di Operazione Colomba che vivono in Libano ogni giorni, al fianco dei siriani che restano lì. La prima, è la testimonianza di Caterina Ferrù (Operazione Colomba), di cui pubblichiamo una versione ristretta. La sua testimonianza completa, insieme a molte altre, potete trovarla sul sito di Operazione Colomba.

 

LA TESTIMONIANZA

 

 

 

B. è una delle nuove anime del campo. A volte nel silenzio delle tende al mattino la sua voce tuona potente, passando accanto alla nostra tenda fa risuonare i nostri nomi, trascinandone la fine, come in un coro. B. non è mai andato a scuola, ha iniziato a lavorare a otto anni perché suo padre era morto e non voleva pesare su sua madre. Oggi ha una bellissima famiglia, sua moglie W. e quattro bambini, di cui uno purtroppo è morto ancora neonato, in Libano. Anche W. non ha potuto andare a scuola ma, con grande pazienza, la loro figlia più grande di dieci anni le ha insegnato a leggere. Quei bambini sono la gioia dei loro genitori e anche di noi volontari.

 

A dicembre, purtroppo, è giunta dalla Siria la notizia che la mamma di B. è mancata. Quando B. è venuto a saperlo è diventato un’altra persona. I suoi occhi sono diventati scavati, lo sguardo si è fatto cupo. Non è riuscito ad essere accanto alla sua mamma, non ha potuto darle un ultimo bacio sulla fronte, si sentiva intrappolato in questo paese che odia. Abbiamo passato i tre giorni di lutto insieme, nella loro tenda, bevendo il caffè amaro e per distendere l’atmosfera abbiamo giocato con la bimba più piccola, facendo volare un aeroplano di carta da un lato all’altro della stanza. Lei era felicissima e suo padre la guardava con occhi innamorati.

 

 

Qualche giorno dopo è arrivata una tempesta che sembrava non finire mai. Il campo è diventato una palude di acqua e fango in mezzo alla quale le tende sembravano galleggiare. La nostra tenda si è allagata, la mia cesta con i miei libri e gli altri oggetti si è riempita d’acqua. Non potevamo dormire lì e c'è stata offerta ospitalità nelle tende di altre famiglie che erano ancora asciutte. Mi sono ritrovata fuori, i piedi scalzi nel mare di acqua scura, la pioggia che continuava a cadere e davanti a me B., in maglietta e ciabatte, che con la sua voce tonante ripeteva che è tutto uno schifo, che se doveva vivere in mezzo al mare, tanto valeva farlo prendendo una barca per raggiungere la Turchia, invece che continuare a stare lì.

 

Mi ha portata a vedere dentro alla tenda. I bambini dormivano ancora ma l’acqua stava passando attraverso i materassi e a momenti si sarebbero ritrovati tutti bagnati nel mezzo della notte. 

 

Qual è la cosa peggiore di questa storia? Ho provato a sentire quello che B. stava sentendo: l’amore per i propri figli, che è una forza vitale enorme, e il dolore di non avere nessun luogo dove proteggerli, se non una tenda di legno e nylon in cui entrava l’acqua. Questa cosa mi ha pervaso, è come un gas scuro che devasta. Lasciare la porta aperta è pericoloso.

 

Qual è la cosa migliore di questa storia? È che solo provando davvero a immaginare come si sentisse B. in quel momento, sono riuscita a capire quanto è importante vivere qua con lui. Ora noi e B. portiamo questo dolore insieme, e insieme possiamo trasformarlo in qualcosa di così umano e scontato da sembrare quasi incredibile. È il passaggio dal dolore all’amore, in questo schifo che è la guerra, che ti lascia con l’acqua sotto i piedi e col dolore di non aver detto addio a tua madre.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato