Contenuto sponsorizzato

Rossi, Panizza e Dellai credono alle promesse ma con il "Si" l'autonomia salta

L'unico modo per proteggerla e preservarla è votare "No" al referendum. Quello di Renzi e della Boschi è un colpo di mano ai danni degli enti locali
DAL BLOG
Di Riccardo Fraccaro - 06 settembre 2016

E' segretario alla Presidenza della Camera dei deputati, eletto in Trentino Alto Adige nel 2013 con il Movimento 5 Stelle

A poche settimane dal referendum costituzionale i politici locali di PD, PATT e UPT sono alla disperata ricerca di garanzie per l’Autonomia trentina. Ma garanzie non ce ne sono e non verranno sicuramente da incontri ufficiali o da improbabili patti politici. Basta leggere il testo della nuova Costituzione Renzi-Boschi-Verdini per rendersi conto che questa riforma comporterà una revisione punitiva di tutte le autonomie locali e accentrerà i poteri nelle mani dell’uomo solo al comando. Si tratta di una vera controriforma autoritaria, che farà sprofondare il Paese verso una deriva centralista senza ritorno. Con il combinato disposto dell’Italicum e del ddl costituzionale il PD vuole imporre l’accentramento dei poteri a svantaggio dei territori. Renzi firma la condanna a morte della nostra Autonomia e i partiti locali lo sostengono rendendosi complici di questo autentico scempio.

 

 

Per le province autonome di Trento e Bolzano si tratta di un passaggio cruciale, che innesca un processo irreversibile. Nonostante il caos interpretativo, i capisaldi del disegno di legge sono semplici: un Senato dell’inutilità e dell’impunità, una Camera di nominati, un Governo accentratore. In questo scenario, il peso politico dei deputati e senatori eletti nelle nostre valli non conterà più nulla. Le nostre province autonome rimarranno prive di ogni difesa politica, alla mercé del governante di turno.

Da quando il nominato premier è salito al Governo, stiamo denunciando senza sosta i pericoli per la nostra Autonomia.

 

 

Lo stesso Renzi, nel suo libro Stil Novo del 2012, ha messo nero su bianco l’abolizione delle regioni a statuto speciale come conditio sine qua non per far ripartire il Paese. Ora è evidente come intende realizzare questo colpo di mano ai danni degli enti locali: con la riforma Boschi, il Governo si impegna formalmente a mandare al macero il sistema delle autonomie.

 

 

Ecco, dunque, come il PD intende ottenere il suo obiettivo centralista: con la modifica della legge elettorale e della Costituzione, il ruolo di Regioni e Province autonome nel futuro Parlamento diventerà del tutto ininfluente. Un’esecuzione in piena regola. La cosa peggiore, tuttavia, è dover assistere al teatrino messo in piedi dai politicanti locali, soprattutto di quei partiti sedicenti autonomisti, che fingono di fare la voce grossa e pretendono garanzie farlocche, ma intanto accettano di buon grado che Renzi faccia carta straccia dell’Autonomia trentina. Rossi, Panizza e Dellai possono farsi promettere quello che vogliono, ma niente e nessuno potrà più garantire la salvaguardia dell’autonomia se dovesse passare la riforma. Solo una cosa può preservarla e proteggerla: votare no.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato