Contenuto sponsorizzato

Acaro eriofide declassa i frutti di mora

A seguito delle punture causate dall’eriofide, le drupe delle more rimangono rosse e non riescono a colorasi di nero in maniera totale e omogenea. Quindi perdono il valore commerciale
Dal blog di Sergio Ferrari - 11 settembre 2018 - 20:02

Un acaro eriofide sta arrecando danni ai frutti della mora coltivata in Trentino su circa 30 ettari di superficie protetta. L’acaro è talmente piccolo da richiedere per essere individuato il ricorso allo stereomicroscopio anziché alla consueta lente contafili usata dagli agricoltori in campagna.

 

A seguito delle punture causate dall’eriofide, le drupe delle more rimangono rosse e non riescono a colorasi di nero in maniera totale e omogenea. Quindi perdono il valore commerciale.

 

A segnalare il fatto è stato per primo Luciano Mattivi, produttore di fragole e piccoli frutti di Miola di Pinè e presidente della cooperativa Aurorafruit.

 

Egli fa presente che trattamenti ripetuti con polisolfuro di calcio alla dose di 3 Kg. /ettolitro hanno ottenuto risultati molto positivi in prove condotte con esperti della Fondazione Mach. Il prodotto commerciale denominato Polisolfuro di calcio Poliseno non si può più impiegare legalmente come acaricida, ma semmai solo come anticrittogamico su diverse colture da frutto ma non su more.

 

L’estensione del campo di impiego alle more deve essere chiesto dalla ditta produttrice. L’Ufficio fitosanitario si impegna a motivare e sostenere la richiesta di deroga per motivi eccezionali. L’accoglimento sarebbe più probabile se la sollecitazione alla ditta produttrice, peraltro dichiaratamente disposta a presentare l’istanza, fossero tutti i produttori di settore che operano in Trentino.

Potrebbe interessarti anche
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 marzo - 21:05

Gli assessori dopo aver organizzato l'evento aperto al pubblico per parlare di educazione di genere hanno blindato l'ingresso a studenti, professori, cittadini con agenti in tenuta antisommossa. Sono volate le botte e alla fine Biesesti ha riacceso gli animi decidendo di uscire dall'ingresso principale dove c'erano i manifestanti

22 marzo - 05:01

Dal ritorno di Carlo Pedergnana al sindaco di Castello Molina di Fiemme. Vengono spesso derubricate a goliardate, scherzi, errori di gioventù. Ma siamo sicuri che su certe cose sia davvero il caso di ridere? Stiamo parlando di saluti romani, bacetti al busto del Duce, tatuaggi con svastiche e fasci littori esposti con orgoglio in casa

22 marzo - 12:41

E' successo ieri pomeriggio a Trento. Due uomini stavano litigando violentemente quando è arrivata una volante della polizia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato