Contenuto sponsorizzato

Acaro eriofide declassa i frutti di mora

A seguito delle punture causate dall’eriofide, le drupe delle more rimangono rosse e non riescono a colorasi di nero in maniera totale e omogenea. Quindi perdono il valore commerciale
Dal blog di Sergio Ferrari - 11 settembre 2018 - 20:02

Un acaro eriofide sta arrecando danni ai frutti della mora coltivata in Trentino su circa 30 ettari di superficie protetta. L’acaro è talmente piccolo da richiedere per essere individuato il ricorso allo stereomicroscopio anziché alla consueta lente contafili usata dagli agricoltori in campagna.

 

A seguito delle punture causate dall’eriofide, le drupe delle more rimangono rosse e non riescono a colorasi di nero in maniera totale e omogenea. Quindi perdono il valore commerciale.

 

A segnalare il fatto è stato per primo Luciano Mattivi, produttore di fragole e piccoli frutti di Miola di Pinè e presidente della cooperativa Aurorafruit.

 

Egli fa presente che trattamenti ripetuti con polisolfuro di calcio alla dose di 3 Kg. /ettolitro hanno ottenuto risultati molto positivi in prove condotte con esperti della Fondazione Mach. Il prodotto commerciale denominato Polisolfuro di calcio Poliseno non si può più impiegare legalmente come acaricida, ma semmai solo come anticrittogamico su diverse colture da frutto ma non su more.

 

L’estensione del campo di impiego alle more deve essere chiesto dalla ditta produttrice. L’Ufficio fitosanitario si impegna a motivare e sostenere la richiesta di deroga per motivi eccezionali. L’accoglimento sarebbe più probabile se la sollecitazione alla ditta produttrice, peraltro dichiaratamente disposta a presentare l’istanza, fossero tutti i produttori di settore che operano in Trentino.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 18:54

Il governatore in vista ad Ala attacca la precedente amministrazione provinciale: "Sono stati inconcludenti. Qui ognuno deve prendersi le proprie responsabilità, noi ci prenderemo le nostre, ma i cittadini non possono correre simili rischi"

20 gennaio - 16:00

L'assessora preoccupata dal fatto che nel 2017 gli aborti in Trentino sono stati 703 mentre nel 2016 erano stati 684. Una minima crescita su base annuale che, ovviamente, ai fini statistici non ha valore mentre il dato resta comunque il secondo più basso di sempre. Nel 2007 erano quasi 1.300

20 gennaio - 19:07

L'allarme è stato lanciato intorno alle 15 dal padre. Il 43enne si trovava da solo in escursione. La macchina dei soccorsi subito in azione, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato