Contenuto sponsorizzato

Il vino santo trentino vuole ottenere la docg per aumentare la notorietà e la vendita di bottiglie

Scopo dichiarato dalla maggioranza è poi quello di rimarcare la sostanziale differenza tra vino santo trentino doc e vino santo liquoroso
Dal blog di Sergio Ferrari - 24 marzo 2019 - 22:13

I produttori di vino santo trentino doc della Valle dei Laghi hanno sottoscritto insieme agli amministratori della Cantina Toblino di Sarche la richiesta di ottenere la docg tramite l’appoggio del Consorzio vini trentini al quale è stata inviata richiesta formale di appoggio e condivisione.

 

E’ stata abbandonata l’idea di estendere la docg a zone che un tempo producevano vino santo ma non rientravano nel territorio di elezione rappresentato dai comuni catastali di Vezzano, Lasino, Calavino e Cavedine.

 

Tra i promotori c’è chi ritiene che con la docg si riesca a vendere un maggiore numero di bottiglie di vino santo.

 

Altri fanno affidamento su un’accresciuta notorietà, ma senza un aumento delle vendite.

 

Lo scopo dichiarato dalla maggioranza è invece quello di rimarcare la sostanziale differenza tra vino santo trentino doc e vino santo liquoroso che si produce e si vende legalmente con la possibilità riconosciuta dalla legge vigente di superare i 16 gradi con l’aggiunta di zucchero e di alcool di provenienza esterna. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 19:27

Dopo la boutade di Sgarbi che aveva definito il planetario “tre palle su un prato” ecco la mossa del Muse che incassa già alcuni endorsement importanti come quello dell’astronauta Samantha Cristoforetti: “Evento importante per la città di Trento e non solo”. Lanzinger: “Un unicum per tecnologia e innovazione”

21 luglio - 12:18

La storia della squadra di calcio che è diventata un esempio di inclusione e dialogo interculturale vista attraverso gli occhi di Youness Et-tahiri che per un anno ha giocato con il team di Trento e che adesso sta per trasferirsi in un altro club, ma che fa sapere: “Questo è solo un arrivederci”

21 luglio - 19:00

Il consigliere dei Verdi non ha votato il Prg ed è uscito dall'aula puntando il dito contro la maggioranza che ha accettato l'emendamento arrivato dai banchi della minoranza. "In una fase di cambiamenti climatici enormi, dove lo zero termico si alza sempre più e noi insistiamo con le politiche turistiche legate allo sci in luoghi che fra 10/15 anni non avranno più le condizioni per avere la neve"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato