Contenuto sponsorizzato

Parassitoidi in quarantena anche a San Michele

Al Crea di Firenze si trova in quarantena un parassitoide della cimice asiatica denominato Trissolcus Iaponicus. Una piccola vespa che parassitizza le uova della cimice. Una struttura simili si sta creando anche a S. Michele
Dal blog di Sergio Ferrari - 06 novembre 2018 - 16:09

Il ministro dell’agricoltura Gian Marco Centinaio ha autorizzato il Crea di Firenze ad introdurre dal Giappone, in condizioni di quarantena e per soli motivi studio, un parassitoide della cimice asiatica denominato Trissolcus Iaponicus. Si tratta di una piccola vespa che parassitizza le uova della cimice.

 

Il centro fiorentino è stato scelto, unico in Italia, per il fatto che possiede una struttura da quarantena. Si tratta di una struttura senza vie d’uscita all’interno della quale i ricercatori potranno verificare non solo l’attività parassitaria del Trissolcus ma anche eventuali effetti collaterali negativi che esso potrebbe arrecare ad altri componenti vivi presenti nell’ambiente circoscritto. Da Claudio Ioriatti entomologo della Fondazione Mach si apprende che i ricercatori di S. Michele hanno rapporti consolidati di collaborazione con il CREA di Firenze.

 

Un dottorando di ricerca della Fem  si sta occupando dello stesso parassitoide presso un’università degli Usa. Una struttura analoga a quella del Crea di Firenze è in fase di allestimento anche a S.Michele.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 maggio - 12:39

Intervista al professore e ricercatore trentino ex presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana: ''Ritengo che la politica sia necessario farla con competenza: l’esperienza all’Asi mi sarà utilissima per rappresentare degnamente l'Italia in Europa''

24 maggio - 06:01

Da qui al 2023 l'assessora ha chiesto di ridurre le spese di decine di milioni di euro affidando all'Azienda sanitaria il compito di dirle come. Il tutto mentre il personale è sempre più ridotto ai minimi termini, mancano le risorse ma con una delibera al direttore si chiede maggiore efficacia ''potenziando l’assistenza territoriale e l’integrazione ospedale-territorio''. Qualcosa non torna

24 maggio - 10:54

E' successo in Tirolo. Sull'incidente indagano la Procura di Innsbruck e l'ente di sicurezza volo austriaco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato