Contenuto sponsorizzato

Spumante classico, determinante il momento del tiraggio

L’evoluzione del vino base si valuta con frequenti assaggi. Gioca un ruolo importante l’esperienza dell’enologo e la precisa conoscenza del tipo di spumante che si vuole ottenere dalle singole partite
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 26 maggio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Nel processo di produzione di spumante metodo classico l’operazione di riempimento delle bottiglie con il vino base al quale si aggiungono i lieviti per la rifermentazione rappresenta un passaggio determinante.

 

Nelle Cantine Ferrari il periodo di riempimento (tiraggio) è iniziato a metà marzo e si concluderà a fine luglio. L’enologo Ruben Larentis, responsabile del comparto spumanti, esegue questa operazione da 33 anni. La scelta del momento più adatto per il tiraggio delle singole partite, dice Larentis, dipende dal tipo di evoluzione al quale va incontro il vino base.

 

Determinante è la valutazione data all’uva di partenza con riferimento all’altitudine e al grado di maturazione. L’evoluzione del vino base si valuta con frequenti assaggi. Gioca un ruolo importante l’esperienza dell’enologo e la precisa conoscenza del tipo di spumante che si vuole ottenere dalle singole partite.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 19:34

Nella serata di ieri il Gattogordo di Trento è stato teatro di una discussione animata tra il proprietario Villotti e un gruppo di carabinieri, poliziotti e finanzieri. Secondo questi ultimi, dalle 20 il ristorante non può servire ai tavoli solamente bevande. L’oggetto del dibattito è la parola “attività” di ristorazione, che ha generato non poca confusione

31 ottobre - 18:56

In valore assoluto i dati più alti si registrano nei centri più popolosi (che è quello che sarebbe dovuto succedere anche nella prima ondata) e quindi dei 390 casi totali ben 208 sono concentrati tra Trento (127), Rovereto (56), Pergine (15) e Riva del Garda (10)

31 ottobre - 18:21

Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha firmato le nuove ordinanze per i Comuni-Cluster valide per 14 giorni. Ai Comuni di Laives, Malles, Sarentino, Campo di Trens e Racines si aggiungono oggi anche Sluderno, Glorenza, Tubre, Gargazzone, Val di Vizze e Rasun-Anterselva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato