Contenuto sponsorizzato

Deleghe giustizia. La maggiore efficienza sia per tutti, anche per i dipendenti

La Uil chiede che sia aperto subito un tavolo tecnico per la definizione dell'assetto dei 400 dipendenti
DAL BLOG
Di Walter Alotti - 30 dicembre 2016

Attuale segretario generale della Uil in Trentino è giornalista pubblicista dal 2014

La UIL del Trentino si augura maggior efficienza dei servizi di Giustizia per la cittadinanza e per le imprese della Regione Trentino-Alto Adige Sudtirol, ma anche nell'amministrazione del personale che transiterà dallo Stato all'Ente Territoriale. Si dovrà attivare immediatamente il tavolo tecnico per la definizione dell’assetto inquadramentale dei dipendenti e del diritto d’opzione di chi vorrà restare nei ruoli statali.

 

Certo è che situazioni, come il ritardo nelle liquidazioni ed il mancato pagamento nel mese in corso di spettanze come il FUA 2013-2014-2015 ai collaboratori di alcuni Uffici Giudiziari del Tribunale di Trento, difficilmente accadono al personale dei ruoli locali,  e ci auguriamo non accadano più  nel nuovo ambito amministrativo di destinazione dei 400 addetti alla Giustizia delle Province di Trento e Bolzano.

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 13:03

Renato Vicentini, scavando nel proprio orto di Pilcante, si è imbattuto in alcuni cippi della Grande Guerra. Sulla pietra ci sono scolpiti dei numeri, dei nomi e la data di morte. Da subito ha cercato di mobilitarsi, provando a ricostruirne la storia. "Avrei preferito trovare dei lingotti d'oro", scherza. E poi lancia l'appello: "Qualcuno se ne prenda carico. Voglio arrivare agli eredi"

28 gennaio - 12:41

La struttura del rifugio alpino Città di Milano vanta una superficie complessiva di 2.788 metri quadri su una zona rocciosa e di ghiacciaio vicino alla stazione a monte della funivia di Solda

28 gennaio - 11:01

La storia dell’imprenditrice che ha scelto di allevare una razza di pecore in via d’estinzione ma per farlo ha dovuto imparare a convivere con i lupi: Mio nonno mi diceva ‘il cane buono non è quello che ammazza i lupi ma quello che riporta le pecore a casa’ anche perché un altro detto recita che quando ammazzi un lupo al funerale se ne presentono due

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato