Contenuto sponsorizzato

Il "nuovo corso" della Federazione della cooperazione riparte dal "vecchio compenso"

Una nomina scaturita a valle di una campagna "elettorale" centrata certamente sulla moralità e fondata sul ritorno ai principi di servizio e etici della cooperazione, che Mattarei affermava si fossero smarriti con le presidenze del nuovo secolo
DAL BLOG
Di Walter Alotti - 18 luglio 2018

Attuale segretario generale della Uil in Trentino è giornalista pubblicista dal 2014

Sorprende non poco la decisione della neo-presidente della Federazione della cooperazione di tornare ai compensi "pre-Schelfi" per la remunerazione dei propri compiti e responsabilità, senz'altro importanti, ma ricordiamoci sempre, volontari, del proprio incarico.

 

Soprattutto perché scaturita a valle di una campagna "elettorale" centrata certamente sulla moralità e fondata sul ritorno ai principi di servizio e etici della cooperazione, che Mattarei affermava si fossero smarriti con le presidenze del nuovo secolo.

 

Apprendiamo invece dalle prime delibere che anche l'ottima remunerazione economica, di chi assume le decisioni e la rappresentanza politica del movimento cooperativo provinciale, rientrano nei "valori" da ripristinare in quel particolare mondo, che avevamo capito avrebbe dovuto puntare su sobrietà e vicinanza alle realtà cooperative, minori, in difficoltà e non ancora fuori dal tunnel della crisi. 

 

Ci chiediamo inoltre quale sarà la percezione di queste decisioni rispetto ai lavoratori e le lavoratrici del mondo cooperativo licenziati negli ultimi mesi (Sait) e dei tanti dipendenti e lavoratori  cooperatori che accettano stipendi e condizioni economiche molto basse, o contratti di solidarietà per far sopravvivere le proprie cooperative sociali o di lavoro, per le quali, spesso, l'unico fattore riducibile sembra il salario dei dipendenti o soci.

 

Amaramente non possiamo che verificare, ancora una volta, che le strade del "nuovismo", che promuovono etica e moralità, si dimostrano spesso lastricate di vano  moralismo e strumentale opportunismo politico.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.50 del 10 Luglio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 luglio - 06:01

Chiarastella Feder, esperta di gestione dei conflitti fra grandi predatori e piccole comunità rurali originaria di Treviso, lavora ormai da 15 anni per il governo della regione canadese dell'Alberta. Impegnata nell'educazione alla convivenza fra esseri umani ed orsi, ha deciso di dedicare la propria attenzione al Trentino e ai recenti fatti dell'aggressione sul Monte Peller. "Uccidere un'orsa è deleterio. La soluzione è educare alla coesistenza e alla conoscenza di questi animali"

11 luglio - 09:52

La donna ha effettuato il tampone  nell'attività di screening lavorativo portata avanti sul territorio. E' residente nel feltrino ed è stata immediatamente avviata una indagine epidemiologica. La donna non avrebbe avuto contatti con gli ospiti della struttura e la situazione è sotto controllo

10 luglio - 19:14

L'assessora Segnana rispondendo a una interrogazione di Futura: La Giunta provinciale intende “occuparsi prioritariamente delle tematiche delle pari opportunità tra donne e uomini in linea con quanto delineato nei propri documenti di governo". Il presidente dell'Arcigay del Trentino: "Allarmante che qualcuno chiamato a garantire sicurezza e tutela a tutti i cittadini trentini decida, sulla base di un non meglio precisato principio valoriale, di creare una sorta di gerarchia' nelle classi di cittadini esposti a stigma e discriminazione"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato