Contenuto sponsorizzato

Tra demagoghi, populisti e sovranisti, quale il futuro dei sindacati?

E' necessario ripartire dai più deboli, da quelli che non hanno o non hanno più un partito, da quelli che non possono vantare raccomandazioni di famiglia o amicizie influenti tali da risolvere i loro problemi, da coloro che sono senza "santi in paradiso" facendolo in maniera più accurata dei nuovi movimenti politici
DAL BLOG
Di Walter Alotti - 19 agosto 2018

Attuale segretario generale della Uil in Trentino è giornalista pubblicista dal 2014

Capita spesso negli incontri pubblici degli ultimi mesi che mi venga posta una domanda circa il futuro del sindacato e soprattutto sulle precise possibili nuove forme di rappresentanza, oltre alle tradizionali, a cui guarda o avrebbe dovuto rivolgersi il sindacato: giovani, lavoratori autonomi, disoccupati ....?

Di solito rispondo che per un sindacalista della UIL la risposta è nel logo stesso della propria organizzazione: la difesa dai soprusi e dalle ingiustizie deve riguardare, oltre ai lavoratori e ai pensionati, tutti i cittadini. La nostra Costituzione, poi, indica chiaramente da chi è necessario ripartire: dai più deboli, da quelli che non hanno o non hanno più un partito, da quelli che non possono vantare raccomandazioni di famiglia o amicizie influenti tali da risolvere i loro problemi, da coloro che sono senza "santi in paradiso" o che non hanno conoscenti nei gangli della pubblica amministrazione o nel mondo della salute e del sociale.

Qualcuno, provocatoriamente mi dice, a ragione, che di questa indistinta generalista categoria di persone si sarebbero appropriati i nuovi movimenti politici, che non appellano più i loro supporters come "amici", "compagni", "fratelli" o "camerati", ma proprio con l'uso inflazionato, smodato, dell'appellativo "cittadini".  E proprio questa ultima osservazione mi permette oggi di integrare il ragionamento.

Certo, nemmeno Giorgio Benvenuto al IX°congresso nazionale UIL del 1985 si era inventato nulla. Tutti ricorderanno come il termine "cittadino", grazie al rinnovamento illuministico fosse stato esteso e giuridicamente inserito nella "Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino". Nondimeno è possibile dimenticare lo sforzo di elaborazione filosofica e politica di Giuseppe Mazzini. Nei testi mazziniani, i primi a tratteggiare una Giovine Italia ed una Giovine Europa, i semi e gli ideali a fondamento della nostra cultura democratica laica ed europeista.

Nulla di più distante da derive populiste, demagogiche e, addirittura, sovraniste e da chi, oggi, utilizza, impropriamente, indiscriminatamente il termine cittadino e che dovrebbe quantomeno studiare la nostra Carta Costituzionale. La Costituzione ben traccia la via che eleva i sudditi (di una monarchia ovviamente non rappresentativa) a cittadini. Si imparino a memoria i primi cinque articoli della Carta. Nel contempo per nostra parte, rispetto a trent’anni fa e all’intuizione di Benvenuto nell’attualizzare quella rappresentanza anche civile – e non solo politica – da parte del Sindacato, si rende necessario oggi rilanciare l’azione sindacale integrando il concetto di cittadinanza con una maggiore attenzione rispetto ai temi della difesa dell’ambiente, del risparmio e dei consumatori.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 19:36

Tra i principali indiziati ci sono i cambiamenti climatici, in particolare il caldo di fine giugno che ha sicuramente influito negativamente sul raccolto di quest’anno. Ma secondo i 1400 olivicoltori del Garda Trentino “Condizioni simili non si sono mai verificate in precedenza”

21 ottobre - 19:11

Menù indubbiamente affascinante, complesso nel suo rigore, meditato, tecnicamente evoluto, ma per nulla complicato. Studiato con il carisma indiscutibile di un "maestro dei fornelli" oltre che persona colta. Affermazione non casuale: Alfio Ghezzi "vede" oltre il cibo, entra nella cultura più coinvolgente, quella con la "C" maiuscola

21 ottobre - 16:08

La richiesta arriva dalle associazioni ambientaliste (e non solo) praticamente al termine del primo anno di attività. Un anno che si è caratterizzato per le associazioni per ''una incredibile serie di dichiarazioni ed azioni che poco o nulla hanno a che fare con la tutela ambientale. Dichiarazioni e azioni che vanno anzi nella direzione contraria, con un ulteriore sfruttamento economico dell’ambiente e della natura''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato