Contenuto sponsorizzato

Barriere di sicurezza in città, è polemica

Il confronto è con Verona e Bologna, mentre a Trento si è rimasti sul minimal. Soluzione diversa ad Arco, ma sembra non andare bene

Di Luca Andreazza - 19 novembre 2017 - 21:17

TRENTO. Le barriere di sicurezza hanno invaso il centro storico di Trento e monta la polemica. Nessuno discute l'utilità, quanto l'estetica.

 

A Verona sono, infatti, decorate dai ragazzi dell'istituto artistico, a Bologna sono ricorsi alle fioriere, mentre a Trento sono rimasti sul minimal e anche i commenti dei turisti non mancano per il colpo d'occhio.

Didascalia

L'ex consigliere regionale Giorgio Lunelli le definisce orribili, mentre Matteo Molinari in orbita Patt suggerisce di coprire i blocchi in cemento con "una scritta di benvenuto o banalmente il logo del Trentino".

Sotto il profilo di Molinari, Lorenzo Baratter (Patt) cita i gabbiotti, una soluzione tutta trentina. E sul problema di estetica si sono evidentemente interrogati in quel di Arco.

Ecco allora le barriere, proprio i gabbiotti, con i sassi, peccato però che le pietre possano essere facilmente tolte dalla loro sede e quindi diventare pericolose. 

(Foto Facebook 'Sei di Arco se...')

E allora si discute se non fosse stato il caso di mettere dei normali new jersey. Forse la soluzione perfetta non esiste, ma in fondo la sicurezza dei cittadini resta la cosa più importante.

(Foto Facebook 'Sei di Arco se...')

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 10:06

Stop anche all'entrata delle stelle alpine in giunta a Laives, il sindaco Christian Bianchi: "Ci saremmo aspettati più prudenza dal direttivo della Svp con il mantenimento della neutralità lasciando alla gente la possibilità di scegliere. Il centrodestra ha deciso di mettere in stand by la formazione di nuove giunte con la Svp"

29 settembre - 11:29

Le attrezzature da pesca abbandonate rappresentano un pericolo reale per molte specie di pesci, uccelli e mammiferi marini, l’esperto del Muse: “Il filo della lenza può avvolgersi intorno ai tarsi delle zampe, causando la necrosi dei tessuti e la successiva amputazione dell’arto. Oppure può anche avvolgere il collo, causando soffocamento”

29 settembre - 10:57

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 984 tamponi, 8 i test risultati positivi. Sono 28 i pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e nessuno deve ricorrere alle cure della terapia intensiva, mentre sono 44 le persone presenti nella struttura di Colle Isarco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato