Contenuto sponsorizzato

Condannata per maltrattamenti di sei cuccioli di cane, erano segregati senza acqua e cibo, coperti di urina e rifiuti

Dopo le segnalazioni in Procura, l'indagine era partita in dicembre scorso, mentre a gennaio le forze dell'ordine avevano scoperto le condizioni di vita dei cani. La donna è stata condannata a pagare 3.500 euro di multa 

Pubblicato il - 25 ottobre 2017 - 09:22

CAVALESE. Una donna di Cavalese è stata condannata in primo grado per maltrattamenti a sette cani, una femmina e sei cuccioli. L'esemplare adulto sarebbe stato tenuto legato con la catena all'aperto, anche d'inverno, senza cibo e acqua, mentre i cuccioli sarebbe stati segregati in tre locali fatiscenti, senza cure e luce, tanto che sarebbero stati ritrovati dalla polizia locale coperti di urina, escrementi e rifiuti vari.

 

La donna dovrà pagare 3.500 euro di multa, mentre gli animali, confiscati, sono stati prima affidati ad un'associazione amici degli animali in Valle di Fiemme e quindi adottati da altre famiglie.

 

L'indagine è partita in dicembre scorso, quando la presidente dell'associazione si era rivolta alla Procura per possibili maltrattamenti compiuti dalla donna sugli animali: alcune persone avevano, infatti, segnalato che dall'abitazione provenivano guaiti di cane, senza però che questi si fossero mai visti in giardino.

 

In gennaio il sopralluogo delle forze dell'ordine e del veterinario dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari e la scoperta dei sette cani maltrattati. La visita veterinaria avrebbe completato il quadro, certificando che gli animali, soprattutto i cuccioli, versavano in condizioni di malnutrizione e rachitismo, ma anche comportamenti fobici. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 15:44

Oltre ai dettagli, riferiti dallo stesso medico veterinario ai militari del Cites, su come M49 abbia più volte tentato di scagliarsi contro la recinzione, M57 ripeta dei movimenti ritmati, Dj3 non si nutra per paura degli altri due esemplari, ecco cosa hanno riportato i carabinieri nella loro relazione: ''Si è ritenuto necessario ricorrere alla somministrazione quotidiana di integratore a base di acido gamma amminobutirrico, con effetto inibitorio del sistema nervoso centrale, per prevenire e controllare lo stato di stress di M49 (..) e M57''

01 ottobre - 16:34

Dopo l'individuazione di un focolaio nel settore delle carni a Chiusa e i tanti casi trovati nelle scuole (con successive chiusure e quarantene di studenti e personale), l'Alto Adige registra un nuovo focolaio in un'azienda di lavorazione dell'alluminio a Bressanone. Una ventina i contagiati 

01 ottobre - 15:22

Maltempo in arrivo su tutto il territorio altoatesino, in particolare sulla parte occidentale. Tutte le strutture di pronto intervento sono state preallertate e la popolazione invitate a evitare gli spostamenti innecessari. Piogge abbondanti e forti raffiche di vento dovrebbero durare fino a sabato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato