Contenuto sponsorizzato

Il bambino rimasto fuori dalla scuola materna di Calceranica potrà rientrare regolarmente

Il minore era rimasto fuori da scuola mercoledì scorso e giovedì si era tenuta una manifestazione di protesta. Il bambino potrà rientrare in aula domani, martedì 14 novembre. Esprime soddisfazione il Comitato uniti per Oviedo che si era schierato a fianco della famiglia

Di Luca Andreazza - 13 novembre 2017 - 19:05

CALCERANICA. Il bambino rimasto chiuso fuori dal cancello della scuola materna di Calceranica potrà rientrare regolarmente a scuola da domani, martedì 14 novembre. I fatti risalgono a mercoledì 8 novembre, quando 

il minore non è potuto entrare perché non conforme alla delibera sull'obbligo vaccinale.

 

Nella giornata di giovedì i genitori avevano sostenuto i colloqui informativi, ma avevano comunque deciso di non prendere l'impegnativa per vaccinare il proprio figlio e così non aveva potuto varcare la soglia della scuola (Qui articolo).

 

Il giorno successivo si era tenuta la manifestazione: una trentina di persone 'armate' di slogan e striscioni, tra i quali i comitati 'vaccinare informati', 'uniti per Oviedo' e i più intransigenti 'no vax', qualche politico, come Filippo Degasperi e Walter Kaswalder, si erano radunati a Calceranica per protestare con questa decisione sotto lo sguardo vigile delle forze dell'ordine (Qui articolo).Una situazione che aveva riacceso, senza troppa difficoltà, il dibattito 'vaccinarsi Sì - Vaccinarsi No' (Qui articolo).

 

Si aggiunge così una puntata alla vicenda: il bambino verrà reintegrato nonostante non sia ancora vaccinato. "Siamo soddisfatti - commenta il Comitato uniti per Oviedo - il bambino era stato escluso dalla scuola, anche se i genitori avessero iniziato l'iter di regolarizzazione nei tempi previsti e avessero già sostenuto un primo colloquio all'Apss. Si esprime vicinanza e sostegno alla famiglia e si auspica che in futuro, alla luce dell'estrema delicatezza dell'argomento, l'atteggiamento delle istituzioni nei confronti dei genitori sarà più collaborativo e meno rigido rispetto a quello dimostrato nel caso di Calceranica".

 

"Si ricorda - conclude il Comitato - che la Legge Lorenzin prevede, quale requisito di accesso a nidi e scuole dell’infanzia, non tanto l’avvenuta vaccinazione, quanto il fatto di aver iniziato l’iter di recupero vaccinale, che prevede colloqui informativi prima dell’effettiva vaccinazione, la cui decisione finale spetta comunque ai genitori".

 

Una querelle che sembra concludersi: "I genitori - conferma l'assessore Luca Zeni - hanno chiesto l'impegnativa per la vaccinazione e quindi da questo momento sono in regola rispetto alla delibera di Giunta. Siamo soddisfatti che la vicenda si sia chiusa al meglio nell'interesse del bambino". 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 36.437 nuovi casi e 244 decessi. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

28 ottobre - 18:46

Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 191 positivi a fronte dell'analisi di 2.761 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,9%. Tra i nuovi contagiati, 128 persone presentano sintomi, circa il 67% dei positivi totali. Sono 116 le classi in isolamento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato