Contenuto sponsorizzato

Le panette erano marchiate con la mela dell'Apple. Maxi sequestro di hashish all'Autogrill di Vipiteno

La polstrada di Vipiteno dopo aver notato il nervosismo di un uomo, milanese di 43 anni, si sono avvicinati al veicolo e hanno sentito il forte odore di hashish provenire dall'auto. All'interno quasi 70 chili per un valore di 800.000 euro

Pubblicato il - 09 dicembre 2017 - 13:24

VIPITENO. Quasi 70 chili di hashish marchiati con il simbolo della mela morsicata della Apple. Dovevano essere degli estimatori dell'azienda creata da Steve Jobs, Steve Wozniak e Ronald Wayne i trafficanti di stupefacenti che si sono visti colpire dalla polizia stradale di Vipiteno giovedì 6 dicembre con un sequestro di 67 chili di hashish. Il tutto suddiviso in panette marchiate, appunto, con la famosa mela, e nascosto in ogni dove dentro la macchina.

 

La Fiat Idea bloccata all'area di servizio Trens Ovest, sull'A22, infatti, era stata trasformata in un "contenitore": lo stupefacente è stato trovato nel bagagliaio, nello spazio per la ruota di scorta, in dei vani ricavati dagli spacciatori sotto i sedili anteriori.

 

 

 

Ad accorgersi che l'uomo, un 43enne milanese, incensurato, che stava facendo benzina nella stazione di servizio, si mostrava particolarmente nervoso, sono stati gli agenti della Polstrada. Avvicinandosi al mezzo, poi, l'odore di hashish è apparso molto forte e quindi hanno chiesto all'uomo di poter effettuare un controllo dell'auto.

 

La perquisizione, eseguita con l'ausilio del personale della squadra mobile di Bolzano, ha permesso di scoprire l'ingente quantitativo di droga che, al dettaglio, avrebbe potuto valere fino a 800.000 euro. La sostanza è stata sequestrata.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 19:49

Purtroppo si registra anche un nuovo positivo a Cembra Lisignago dove si era sviluppato il più grosso focolaio legato alla popolazione residente che ha un rapporto dell'0,85% di positivi per residenti. Dato più alto nel comune vicino, ad Altavalle (1% di popolazione positiva). Altri tre comuni sopra lo 0,75%

21 ottobre - 20:14

La notizia è stata battuta da Reuters e ripresa in tutto il mondo. Il fatto sarebbe avvenuto in Brasile e la conferma arriva dall'Università di San Paolo

21 ottobre - 17:39

Tra i nuovi positivi, 71 presentano sintomi, 13 casi riguardano minorenni, dei quali 2 contagiati sono nella fascia di età 0-5 anni e altri 11 ragazzi si collocano nella fascia 6-15 anni, mentre 13 infezioni riguardano over 70 anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato