Contenuto sponsorizzato

Muore escursionista, scivola per l'erba bagnata e precipita per 150 metri in un canalone

L'incidente è avvenuto poco dopo le 16 sul Monte Cola nel gruppo del Lagorai. L'uomo, in comitiva con altri tre amici, dopo aver raggiunto la vetta è sceso anticipando tutti. I compagni hanno ritrovato solo un bastoncino e una colta raggiunta Malga Trenca hanno attivato i soccorsi

Pubblicato il - 18 ottobre 2017 - 19:46

RONCEGNO. Un escursionista bellunese di età compresa tra i 60-65 anni, questo pomeriggio ha perso la vita poco dopo le 16, mentre scendeva lungo la cresta del Monte Cola, nel Gruppo del Lagorai, raggiunta per visitare i camminamenti della Grande Guerra.

L'uomo, che faceva parte di una comitiva di tre amici della provincia di Belluno, aveva raggiunto la cima, iniziando poi la discesa anticipando gli altri. E sono stati proprio i compagni d'escursione a trovare lungo la cresta uno dei suoi bastoncini.

Insospettiti dal ritrovamento, gli amici hanno iniziato a cercarlo lungo i canaloni sottostanti, ma non trovandolo hanno proseguito fino a Malga Trenca, dove speravano d'incontralo. Quando si sono resi conto che non aveva mai raggiunto la malga, hanno subito attivato i soccorsi.

Sul posto è immediatamente arrivata una squadra del Soccorso alpino e i vigili del fuoco volontari della zona per le ricerche del caso in supporto all'elicottero. Proprio durante un sorvolo del mezzo aereo, l'escursionista è stato avvistato in fondo a un canalone, dove è precipitato per circa 150 metri. Probabilmente l'escursionista è scivolato a causa dell'erba bagnata presente nella zona.

Gli uomini del Soccorso alpino hanno quindi provveduto al recupero della salma.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 11:55

Tovaglie e stoviglie stese a terra per una manifestazione ordinata e silenziosa: “Vogliamo ribadire con chiarezza che il settore dei pubblici esercizi e della ristorazione sta soffrendo in modo pesantissimo le limitazioni imposte dalla normativa anti-covid”

28 ottobre - 11:41

Una recrudescenza dell'epidemia importante e il presidente Arno Kompatscher si è trovato a firmare diverse ordinanze per cercare di fronteggiare la diffusione di Covid-19, il governatore ha fatto anche un appello: "Ci troviamo di fronte alle settimane decisive per interrompere la catena dei contagi. E' fondamentale fermare la diffusione del virus per tutelare scuola e lavoro”

27 ottobre - 19:32

Sono tante le lettere e i messaggi diretti al presidente Fugatti di cittadini che non hanno capito perché in Trentino si stia perseverando con la didattica totalmente in presenza (addirittura alzando il numero di contagiati necessari per mettere le classi in quarantena alle elementari e alle medie). Ne pubblichiamo due: ''Anche noi preferiamo certamente la didattica in presenza, così come andare fuori a cena,  o andare in palestra; ma allora a maggior ragione ci vogliono tracciamenti rapidi e completi che paiono totalmente saltati''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato