Contenuto sponsorizzato

Muore escursionista, scivola per l'erba bagnata e precipita per 150 metri in un canalone

L'incidente è avvenuto poco dopo le 16 sul Monte Cola nel gruppo del Lagorai. L'uomo, in comitiva con altri tre amici, dopo aver raggiunto la vetta è sceso anticipando tutti. I compagni hanno ritrovato solo un bastoncino e una colta raggiunta Malga Trenca hanno attivato i soccorsi

Pubblicato il - 18 ottobre 2017 - 19:46

RONCEGNO. Un escursionista bellunese di età compresa tra i 60-65 anni, questo pomeriggio ha perso la vita poco dopo le 16, mentre scendeva lungo la cresta del Monte Cola, nel Gruppo del Lagorai, raggiunta per visitare i camminamenti della Grande Guerra.

L'uomo, che faceva parte di una comitiva di tre amici della provincia di Belluno, aveva raggiunto la cima, iniziando poi la discesa anticipando gli altri. E sono stati proprio i compagni d'escursione a trovare lungo la cresta uno dei suoi bastoncini.

Insospettiti dal ritrovamento, gli amici hanno iniziato a cercarlo lungo i canaloni sottostanti, ma non trovandolo hanno proseguito fino a Malga Trenca, dove speravano d'incontralo. Quando si sono resi conto che non aveva mai raggiunto la malga, hanno subito attivato i soccorsi.

Sul posto è immediatamente arrivata una squadra del Soccorso alpino e i vigili del fuoco volontari della zona per le ricerche del caso in supporto all'elicottero. Proprio durante un sorvolo del mezzo aereo, l'escursionista è stato avvistato in fondo a un canalone, dove è precipitato per circa 150 metri. Probabilmente l'escursionista è scivolato a causa dell'erba bagnata presente nella zona.

Gli uomini del Soccorso alpino hanno quindi provveduto al recupero della salma.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 18:27

Nell'ultimo periodo sono 52 i contagi registrati nel territorio di Giovo. Il sindaco Vittorio Stonfer ha spiegato di essersi confrontato sulla situazione con il direttore del Dipartimento prevenzione dell'Apss, Antonio Ferro. "Per noi il riferimento è l'Azienda sanitaria - spiega - ed è indubbio, sempre attraverso un confronto, che se fosse necessario adottare ulteriori provvedimenti come era stato fatto in passato a Cembra io sono favorevolissimo”

24 febbraio - 18:12

Parte il progetto per la creazione di un innovativo skate park omologato dalla Fisr che potrà essere utilizzato anche per eventi nazionali. Il sindaco: “Praticare attività sportiva davanti al lago di Garda è una delle esperienze da provare almeno una volta nella vita”

25 febbraio - 18:13

Sono stati analizzati 3.940 tamponi tra molecolari e antigenici. Un paziente in più in terapia intensiva. Oggi 161 guarigioni. Nelle ultime 24 ore 91 casi tra bambini e ragazzi: 46 le classi in isolamento

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato