Contenuto sponsorizzato

Parte un colpo di fucile e perde la vita in Ungheria cacciatore di Lavarone

Marco Coller, marito della vicesindaco di Lavarone Adriana Fellin, sarebbe stato colpito al petto da un colpo esploso dal fucile dell'amico Alberto Brinis scivolato mentre scendeva da una scaletta di una torretta da caccia

Una torretta da caccia
Di Luca Pianesi - 25 novembre 2017 - 18:29

LAVARONE. Ha perso la vita durante una battuta di caccia la scorsa notte in Ungheria, nella provincia di Györ. Marco Coller, marito della vicesindaca di Lavarone Adriana Fellin, si trovava all'estero in compagnia dell'amico Alberto Brinis, anch'egli di Lavarone, rappresentante di un'azienda che produce case in legno.

 

I due erano andati per boschi per una battuta di caccia (cosa che annualmente facevano quando era possibile) e stando alle prime ricostruzioni si erano posizionati su una torretta di avvistamento di legno. Al momento di ridiscendere la scaletta, il Brinis sarebbe sceso per primo mentre Coller per secondo. Arrivato all'ultimo scalino, però, il piede avrebbe perso aderenza facendo scivolare il primo. A quel punto sarebbe partito un colpo dal fucile che avrebbe colpito dritto al petto Coller.

 

Usiamo il condizionale perché i fatti si sono svolti in Ungheria e tutt'ora gli inquirenti stanno cercando di ricostruire l'accaduto. Si tratterebbe, comunque, di un tragico incidente. I fatti si sono svolti ieri, nel tardo pomeriggio, ma la notizia è stata data alle famiglie questa mattina. Ora i familiari sono in viaggio per l'Ungheria per recuperare la salma e per capire quanto accaduto.

 

 Brinis nel frattempo è stato fermato dalla polizia ungherese e dopo l'interrogatorio è stato sottoposto a fermo cautelare che, stando a quanto risulta, potrebbe durare fino a 72 ore. A fare da testimone anche un terzo trentino presente assieme agli altri due amici durante la battuta di caccia. Ogni cosa va ancora accertata con la perizia del caso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 19:49

Purtroppo si registra anche un nuovo positivo a Cembra Lisignago dove si era sviluppato il più grosso focolaio legato alla popolazione residente che ha un rapporto dell'0,85% di positivi per residenti. Dato più alto nel comune vicino, ad Altavalle (1% di popolazione positiva). Altri tre comuni sopra lo 0,75%

21 ottobre - 20:14

La notizia è stata battuta da Reuters e ripresa in tutto il mondo. Il fatto sarebbe avvenuto in Brasile e la conferma arriva dall'Università di San Paolo

21 ottobre - 17:39

Tra i nuovi positivi, 71 presentano sintomi, 13 casi riguardano minorenni, dei quali 2 contagiati sono nella fascia di età 0-5 anni e altri 11 ragazzi si collocano nella fascia 6-15 anni, mentre 13 infezioni riguardano over 70 anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato