Contenuto sponsorizzato

Passano in macchina e dal finestrino insultano i morti al cimitero. Denunciati per oltraggio a defunti

E' successo il 1° novembre nelle Giudicarie. Cinque giovani dovranno pagare una sanzione da 51 euro a 309 euro

Pubblicato il - 06 novembre 2017 - 16:07

TIONE. Forse i cinque giovani non lo sapevano che un articolo del Codice penale prevede e punisce il reato di 'oltraggio ai defunti': saranno tenuti a corrispondere la sanzione che va dai 51 euro ai 309 euro.

 

Tutto vero, la notizia arriva dal Comando della Polizia locale delle Giudicarie: "A bordo di una Polo stavano tornando a casa in Val di Non dopo la nottata trascorsa alla festa di Halloween organizzata a Storo, transitando all’altezza del cimitero di Saone, lì dove la strada statale costeggia il camposanto, hanno pensato di abbassare i finestrini e imprecare ingiuriando i morti di chi in quel momento era riunito  al cimitero per la consueta messa di commemorazione dell’1 novembre.

 

I 5 giovani sono stati individuati grazie alla collaborazione tra la Polizia Locale delle Giudicarie e quella dell’Alta Val di Non, dovranno rispondere del reato previsto dall’art. 724 del Codice penale:

 

Chiunque pubblicamente bestemmia, con invettive o parole oltraggiose e contro la Divinità è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da cinquantuno euro a trecentonove euro. La stessa sanzione si applica a chi compie qualsiasi pubblica manifestazione oltraggiosa verso i defunti.

 

L'articolo del codice risulta però depenalizzato, si tratterà di pagare una multa e di ricordarsi che 'li mort...i vostri' non si deve dire, né ai santi né ai morti. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato