Contenuto sponsorizzato

Per gli anziani soli ecco "Casa Cles", il nuovo progetto della Sad

L'obiettivo è quello di rispondere ai nuovi bisogni delle generazioni di anziani parzialmente autonomi, che manifestano disagio a stare a casa da soli e che nel contempo non hanno bisogno di (o non riescono a sostenere) assistenza diurna e notturna privata

Pubblicato il - 19 ottobre 2017 - 14:53

CLES. Un nuovo progetto di cohousing che permette a persone anziane di vivere insieme dividendosi le spese di abitazione e di assistenza. Soprattutto, però, un modo per far fronte alla solitudine.

 

Questo il nuovo progetto “Casa Cles” inaugurato dalla cooperativa sociale Sad che sulla via principale di Cles, poco dopo la Chiesa parrocchiale e subito prima dell’Oratorio, metterà a disposizione degli anziani un nuovo servizio dalle caratteristiche innovative. Si tratta di un progetto di cohousing: nell’appartamento di via Marco da Cles, al civico 22, potranno convivere otto persone anziane, tutte con camera di 13-15 metri quadrati e bagno privati, con cucina, spazi di relax e assistenza condivisi.

L’organizzazione prevede infatti anche l’offerta di attività ricreative e il frequente contatto con le associazioni e i gruppi organizzati del territorio. ‘Casa Cles’ (il cui responsabile è Maurizio Suighi) è la terza nata delle Case di Sad, dopo l’esperienza della Vela e quella di Tassullo. Un successo che risponde ai nuovi bisogni delle generazioni di anziani parzialmente autonomi, che manifestano disagio a stare a casa da soli e che nel contempo non hanno bisogno di (o non riescono a sostenere) assistenza diurna e notturna privata.

 

“La sfida che la nostra cooperativa ha raccolto con convinzione - spiega Daniela Bottura, presidente della Sad - è quella di inventare risposte nuove ad una domanda di welfare in continuo cambiamento: la speranza di vita si allunga e noi proponiamo servizi di qualità che consentano di vivere bene gli anni dell’autosufficienza, condividendo spazi e relazioni, emozioni ed esperienze, per garantire agli anziani e alle loro famiglie un clima sereno e una assistenza qualificata”.

 

E proprio nella condivisione di spazi e di spese sta l’innovazione di questo progetto che, spiega l'assessore Luca Zeni, “esprime perfettamente lo spirito che deve orientare la nostra comunità: i cambiamenti della società, in cui aumenta l'aspettativa di vita, vanno interpretati e accompagnati in ottica sociale. Dobbiamo quindi impegnarci ad aumentare la qualità di vita. Le reti familiari non sono sempre sufficienti e, quindi, questa iniziativa ha un valore profondo e si inserisce perfettamente nella cornice della riforma del welfare anziani che una volta a regime consentirà di promuovere politiche per gli anziani che favoriscano relazioni e opportunità di vita di comunità. Aumentare questo tipo di sevizi – ha concluso l’assessore - è una priorità per la Provincia, e per questo nel prossimo bilancio intendiamo stanziare ulteriori 5 milioni di euro".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 20:05

Ci sono 46 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 94 positivi a fronte dell'analisi di 846 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,1%

20 ottobre - 17:58

La Provincia di Bolzano ha comunicato nuove limitazioni per frenare la diffusione del virus. In una giornata segnata dal record di positivi (ben 209), Kompatscher ha annunciato che le scuole superiori dovranno fare almeno un 30% della didattica a distanza. Sport e grandi eventi, con la cancellazione dei mercatini di Natale, gli altri ambiti maggiormente interessati

20 ottobre - 18:46

Sono 15 i milioni che saranno investiti nella realizzazione del nuovo collegamento funiviario che, in soli 7 minuti, percorrerà un tracciato di 3.8 chilometri per un dislivello di 644 metri. L'impianto collegherà l'abitato di San Cipriano con Malga Frommer, posta tra le piste da sci del comprensorio di Carezza. Intanto, però, si continua a scavare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato