Contenuto sponsorizzato

Ruba in sacrestia un borsello con all'interno soldi e documenti, denunciato 53enne

Tra le operazioni dei carabinieri la denuncia in stato di libertà di un 30enne tunisino trovato con un coltello a serramanico, dalla lama di circa 15 cm, e il ritiro della patente  per un 54enne italiano

Pubblicato il - 19 ottobre 2017 - 09:52

BORGO VALSUGANA. E' stato individuato, denunciato e rimesso poi in libertà l'uomo di 53 anni, italiano, colpevole di aver rubato un borsello dalla sacrestia della chiesa arcipretale di Borgo Valsugana.

I carabinieri della locale stazione sono intervenuti presso la sacrestia della chiesa da dove era giunta la segnalazione al 112 dell’avvenuto furto di un borsello, contenente soldi e documenti. Esaminati i testimoni e visionate alcune telecamere della zona, i militari sono riusciti a riconoscere il responsabile. Dopo averlo rintracciato, l’uomo ha ammesso il furto, ma del borsello, nessuna traccia, nonostante sia stato cercato dove il fermato dichiarava di essersene liberato.

 

Un altro intervento, nel centro di Borgo Valsugana, è avvenuto la scorsa notte da parte dei militari del Nucleo Radiomobile e della Stazione di Pergine Valsugana. Nell’effettuare servizio di controllo del territorio i militari hanno notato un uomo all’interno di un’autovettura, regolarmente parcheggiata.

 

Si sono avvicinati per un controllo e l'uomo, residente in un’altra zona, ha indotto i militari a porre più domande sul perché si trovasse a quell’ora nel centro di Borgo senza però ricevere delle risposte convincenti. I carabinieri hanno quindi eseguito una perquisizione personale. Sulla persona, all’interno della giacca, è stato rinvenuto un coltello a serramanico, dalla lama di circa 15 cm, subito sequestrato. Condotto in caserma, l'uomo, un 30enne tunisino, è stato denunciato in stato di libertà e rilasciato.

 

I carabinieri di Grigno, infine, nell’effettuare un posto di controllo nella zona di Castel Ivano, hanno fermavano un 54enne italiano, intento a percorrere la statale a bordo della propria autovettura. La difficoltà nel parlare e l’equilibrio incerto, l’alito vinoso e gli occhi arrossati, hanno fatto sottoporre l’uomo al controllo etilometrico, che dava valori medi pari a 2,27 G/L. Immediato, il ritiro di patente.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato