Contenuto sponsorizzato

Sistemare e abbellire le aiuole di piazza Dante, l'impegno di 4 giovani richiedenti asilo

I ragazzi, ospiti della residenza Fersina, aiuteranno gli addetti del Servizio parchi e giardini

Pubblicato il - 24 ottobre 2017 - 16:58

TRENTO. Il progetto si chiama “Adotta un'aiuola” e protagonisti per tre giorni saranno quattro ragazzi richiedenti asilo e ospiti della residenza in via Fersina.

 

I giovani si sono infatti offerti per aiutare gli addetti del Servizio parchi e giardini a gestire il verde in piazza Dante soprattutto per quanto riguarda le aiuole che si trovano ai lati del listone.

 

L'iniziativa, senza alcun genere di retribuzione, è stata organizzata in collaborazione con la cooperativa Kaleidoscopio. “L'iniziativa – ha spiegato l'assessore Italo Gilmozzi – offre a questi giovani la possibilità di integrarsi dando un proprio contributo alla comunità in cui vivono”.

 

Il loro lavoro sarà quello di cura delle aiuole che necessitano di tre interventi di cura all'anno, taglieranno le erbacce e metteranno a dimora nuove, varie piante da fiore. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 11:55

Tovaglie e stoviglie stese a terra per una manifestazione ordinata e silenziosa: “Vogliamo ribadire con chiarezza che il settore dei pubblici esercizi e della ristorazione sta soffrendo in modo pesantissimo le limitazioni imposte dalla normativa anti-covid”

28 ottobre - 11:41

Una recrudescenza dell'epidemia importante e il presidente Arno Kompatscher si è trovato a firmare diverse ordinanze per cercare di fronteggiare la diffusione di Covid-19, il governatore ha fatto anche un appello: "Ci troviamo di fronte alle settimane decisive per interrompere la catena dei contagi. E' fondamentale fermare la diffusione del virus per tutelare scuola e lavoro”

27 ottobre - 19:32

Sono tante le lettere e i messaggi diretti al presidente Fugatti di cittadini che non hanno capito perché in Trentino si stia perseverando con la didattica totalmente in presenza (addirittura alzando il numero di contagiati necessari per mettere le classi in quarantena alle elementari e alle medie). Ne pubblichiamo due: ''Anche noi preferiamo certamente la didattica in presenza, così come andare fuori a cena,  o andare in palestra; ma allora a maggior ragione ci vogliono tracciamenti rapidi e completi che paiono totalmente saltati''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato