Contenuto sponsorizzato

Spacciano al parco giochi di Melta, due 18enni agli arresti domiciliari

I carabinieri in servizio perlustrativo sono stati insospettiti dal comportamento dei due ragazzi: erano in possesso di cinque panetti di hashish per un totale di 500 grammi di sostanza stupefacente

Pubblicato il - 20 novembre 2017 - 18:05

TRENTO. Due neo-maggiorenni sono stati fermati  dai carabinieri per spaccio di droga. E' successo sabato pomeriggio al parco giochi Melta 2 di Gardolo, quando un italiano e un moldavo sono stati pizzicati in possesso di un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti.

 

Nel primo pomeriggio di sabato i militari, in servizio perlustrativo, insospettiti dall’atteggiamento e dal comportamento dei due giovani, hanno deciso di effettuare un controllo nei confronti dei ragazzi, i quali, a seguito dell’identificazione e della relativa perquisizione, sono stati trovati in possesso di un considerevole quantitativo di sostanza stupefacente: cinque panetti di hashish per 500 grammi, oltre al rinvenimento di materiale per la pesatura e una somma contante ritenuta provento della pregressa attività di spaccio.

 

I due giovani sono stati posti immediatamente a disposizione dell’Autorità giudiziaria e si trovano agli arresti domiciliari.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 09:53

I laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 1.916 tamponi. Sono stati registrati 72 nuovi casi positivi

18 settembre - 10:57

Il botto, causato probabilmente da una fuga di gas ma che potrebbe essere stato causato volontariamente da un inquilino, è avvenuto intorno alle 8. Soccorsi sul posto

18 settembre - 10:40

L’ungulato rimane imprigionato e il suo destino sembra segnato, ma in suo soccorso arriva il veterinario: “Un cervo imbrigliato nella rete non ha speranza, curare le ferite e regalargli nuovamente la vita non ha prezzo”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato