Contenuto sponsorizzato

Un bambino in ospedale, nei guai un caseificio trentino per un batterio nel formaggio

Il bambino aveva accusato il malessere l'estate scorsa ed era stato portato in ospedale. Dagli accertamenti medici è risultato che il piccolo era venuto in contatto con un batterio, l'escherichia coli

Pubblicato il - 01 dicembre 2017 - 09:06

TRENTO. Sono state denunciate due persone e sequestrate oltre una ventina di forme di formaggio a base di latte crudo. Questo il bilancio dell'indagine che ha visto il Nas dei Carabinieri perquisire un caseificio trentino.

 

Il tutto è nato nell'estate scorsa quando un bambino è stato ricoverato in ospedale a seguito di un malore con nausea e diarrea. Dagli accertamenti medici è risultato che il piccolo era venuto in contatto con un batterio, l'escherichia coli. Dalle analisi delle ore precedenti si è immediatamente capito che la situazione del bambino era riconducibile al formaggio di latte crudo mangiato poche ore prima.

 

Ecco allora che immediatamente è partita la segnalazione, come di prassi, al ministero che ha chiesto un'ispezione al caseificio da parte dell'ufficio igiene e sanità. L'ispezione aveva portato la raccomandazione ai titolari di una verifica tra i propri fornitori per controllare la presenza di escherichia coli.

 

Le indicazioni non sembrano però essere state seguite e la Procura ha quindi inviato i carabinieri dei Nas. Da qui il controllo del caseificio e il sequestro di oltre una ventina di forme di formaggio prodotto con latte crudo. Due le persone denunciate.   

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

26 ottobre - 17:59

Sono stati analizzati 983 tamponi, 113 i test risultati positivi e il rapporto contagi/tamponi sale a 11,5%. A fronte di un leggero aumento rispetto a ieri dei 104 casi in valore assoluto (5,7%), il dato percentuale è praticamente raddoppiato. Sono 10 le persone in più in ospedale per Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato