Contenuto sponsorizzato

Un bambino in ospedale, nei guai un caseificio trentino per un batterio nel formaggio

Il bambino aveva accusato il malessere l'estate scorsa ed era stato portato in ospedale. Dagli accertamenti medici è risultato che il piccolo era venuto in contatto con un batterio, l'escherichia coli

Pubblicato il - 01 December 2017 - 09:06

TRENTO. Sono state denunciate due persone e sequestrate oltre una ventina di forme di formaggio a base di latte crudo. Questo il bilancio dell'indagine che ha visto il Nas dei Carabinieri perquisire un caseificio trentino.

 

Il tutto è nato nell'estate scorsa quando un bambino è stato ricoverato in ospedale a seguito di un malore con nausea e diarrea. Dagli accertamenti medici è risultato che il piccolo era venuto in contatto con un batterio, l'escherichia coli. Dalle analisi delle ore precedenti si è immediatamente capito che la situazione del bambino era riconducibile al formaggio di latte crudo mangiato poche ore prima.

 

Ecco allora che immediatamente è partita la segnalazione, come di prassi, al ministero che ha chiesto un'ispezione al caseificio da parte dell'ufficio igiene e sanità. L'ispezione aveva portato la raccomandazione ai titolari di una verifica tra i propri fornitori per controllare la presenza di escherichia coli.

 

Le indicazioni non sembrano però essere state seguite e la Procura ha quindi inviato i carabinieri dei Nas. Da qui il controllo del caseificio e il sequestro di oltre una ventina di forme di formaggio prodotto con latte crudo. Due le persone denunciate.   

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

25 February - 17:05

Ha aperto solo da due mesi ma la Silvia Biasioli Pâtisserie ha già conquistato il cuore di tantissimi amanti dei dolci. La proprietaria, da cui il nome del negozio, è una trentina di 33 anni che ha scelto di mettere da parte la laurea in ingegneria per seguire la sua passione. "In un attimo si è sparsa la voce e ho avuto la fila fuori dal negozio. A Natale ho sfornato 900 panettoni"

26 February - 10:04

L'Apsp Margherita Grazioli di Povo ha lanciato una duplice iniziativa per aiutare gli over80 con difficoltà nelle prenotazioni online del vaccino. La direttrice Patty Rigatti: "Li contattiamo e fissiamo un appuntamento per vaccinarsi. Poi li facciamo trasportare ai punti di somministrazione. Tutti gratuitamente"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato