Contenuto sponsorizzato

Un ristorante in piazza Santa Maria Maggiore, il Comune ci pensa per riqualificare la zona

L'associazione per la Rinascita di Torre Vanga: "Saremmo molto felici se si riuscisse a realizzare questo progetto". Il Comune avrebbe avviato i contatti con la proprietà dell'immobile. Il ristorante prevede coinvolgimento degli studenti delle scuole alberghiere

Di G.Fin - 07 November 2017 - 06:32

TRENTO. Un ristorante in piazza Santa Maria Maggiore magari con il coinvolgimento delle scuole alberghiere. Al momento è solo un'idea sulla quale però l'Amministrazione comunale di Trento sta lavorando da diverso tempo.

 

A raccontarla, in sordina, è stato il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta, a margine della cerimonia del 4 Novembre che si è svolta sabato mattina in piazza Santa Maria Maggiore dove ad essere presenti erano anche i rappresentanti dell'associazione per la Rinascita di Torre Vanga con lo struscione di protesta con la scritta:”Ricordare i morti aiutando i vivi”.

 

Il luogo scelto per l'eventuale attività di ristorazione sarebbe lo spazio che fino agli ultimi mesi dello scorso anno era occupato dall'agenzia Unicredit che si trova in un lato della piazza e che fino ad oggi è rimasto vuoto.

 

“Stiamo portando avanti un ragionamento – ha confermato il sindaco – e stiamo anche parlando con la proprietà degli spazi. L'idea è quella di un ristorante animato dai giovani, perchè ci piacerebbe l'idea di coinvolgere quelli che escono dalle scuole alberghiere o colore che prendono parte a degli stage”.

 

Il progetto rientrerebbe del ragionamento di riqualificazione della zona che da ormai diverso tempo viene portato avanti dall'amministrazione e che vede impegnati oltre che il sindaco anche l'assessorato alle Politiche sociali con Maria Chiara Franzoia e all'Urbanistica con Paolo Biasioli. 

 

Ad accogliere l'idea in maniera molto positiva sono i rappresentanti dell'Associazione per la Rinascita di Torre Vanga. "Noi saremmo molto felici - ha spiegato Franco Dapor - di riuscire a riqualificare con un'offerta di accoglienza di questo genere l'area. Speriamo che possa andare in porto e la salutiamo con favore".

 

Già in passato attraverso una ricerca che era stata commissariata dalla Fondazione Demarchi sul quartiere di Santa Maria Maggiore si era parlato di questa possibilità. "Come Associazione - ha spiegato Dapor - abbiamo cercato di mettere in contatto l'Amministrazione con i proprietari dello stabile dove si trovava l'Unicredit che è una immobiliare di Milano. Siamo felici che ora qualcosa si stia muovendo".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 March - 11:59

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha confermato la zona “rosso scuro” per Trentino e Alto Adige ma fa il suo ingresso anche l’Emilia-Romagna. In questi territori l’incidenza, calcolata su due settimane, supera i 500 casi ogni 100.000 abitanti

04 March - 13:15

Dalle ore 24 di giovedì 4 marzo fino al 14 marzo, tutta la Lombardia sarà in zona "arancione rinforzato". La giunta ha infatti deciso di eliminare ogni differenza tra le aree, così da preservare quelle province meno interessate dai contagi. Il presidente Attilio Fontana: "Tutte le scuole di ogni ordine e grado, eccetto i primi servizi all'infanzia, dovranno sospendere l'attività in presenza"

04 March - 12:55

L’azienda SynapsEES, all’interno di Progetto Manifattura a Rovereto, ha elaborato un innovativo sistema di sanificazione dell’aria per prevenire la diffusione del Covid 19 negli ambienti chiusi e molto frequentati come scuole, teatri, uffici e ospedali. Il fondatore: “L’aria contaminata è uno dei principali veicoli di trasmissione del virus, per prevenire il contagio è molto importante immettere aria sana negli ambienti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato