Contenuto sponsorizzato

Via libera in Senato all'emendamento per la concessione trentennale dell'Autostrada del Brennero

Ugo Rossi: "Frutto del lavoro congiunto e sinergico che la Regione e le due Province hanno portato avanti in questi anni"

Pubblicato il - 14 novembre 2017 - 13:10

TRENTO. Via libera questa mattina da parte della Commissione bilancio del Senato all'emendamento per la concessione trentennale dell'Autostrada del Brennero.

 

L'ok è arrivato nella votazione del disegno di legge “conversione in legge del decreto legge 16 ottobre 2017, n. 148, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili”, all'interno della quale è stato approvato l’emendamento che disciplina, rinnova e riconosce la concessione di durata trentennale per la realizzazione delle opere e la gestione della tratta autostradale Brennero Modena alla Regione Trentino Alto Adige/Sudtirol, alle Province di Trento e Bolzano e ad altri enti locali.

 

Questi ultimi, per la gestione, potranno avvalersi di una società in house nel cui capitale non figurino privati.

 

"Si tratta di uno straordinario risultato - commenta il presidente Ugo Rossi - frutto del lavoro congiunto e sinergico che la Regione e le due Province hanno portato avanti in questi anni, grazie alle costanti interlocuzioni con il Governo e alla reciproca ed efficace collaborazione che ha caratterizzato in maniera particolare questa legislatura e che ha permesso di raggiungere, accanto agli altri, anche questo importantissimo traguardo. Un’ulteriore dimostrazione di quanto la rinnovata cooperazione e sinergia tra le nostre due Province e il proficuo e costante dialogo con la Delegazione parlamentare – che ha dato il suo significativo contributo - sia imprescindibile per ottenere risultati strategici e prospettici per i nostri territori”.

 

Questa concessione ha aggiunto Rossi “ha certamente un notevole valore politico, che abbiamo condiviso fin dall’inizio. La gestione della tratta autostradale Brennero Modena, quale corridoio di collegamento tra Italia ed Europa Centrale, rappresenta infatti uno straordinario e imprescindibile strumento di sviluppo strategico per i nostri territori, sia alla luce della loro collocazione che della loro natura. Uno strumento che dobbiamo sfruttare e valorizzare per rinnovare e far crescere la nostra autonomia. Significativi sono inoltre i risvolti economici ed ambientali. La responsabilità di gestione dell’arteria autostradale e l’attribuzione allo Stato del tesoretto da 600 milioni per il finanziamento del tunnel ferroviario del Brennero ci permettono di promuovere politiche sostenibili e innovative a difesa dell’ambiente e in tema di mobilità, di attivare investimenti immediati con risvolti importantissimi sul nostro sistema economico e di favorire sinergie e future collaborazioni tra le imprese dei nostri territori, la cui cooperazione rappresenta indubbiamente un valore aggiunto in termini competitivi e di sviluppo".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 20:54
L'esecutivo comunale è composto da 4 donne: 2 in quota Partito democratico, una rappresentante per Azione-Unione e Insieme. Il primo cittadino, Franco Ianeselli, ha delineato la Giunta a palazzo Thun chiamata a guidare Trento per i prossimi 5 anni: "Lavoriamo per la città in un'ottica di sostenibilità ecologica, economica, sociale e istituzionale"
29 settembre - 19:46

Sono 25 fino a questo momento le classi messe in quarantena perché sono stati riscontrati alunni positivi, ma 9 di queste hanno già terminato il periodo di isolamento mentre le altre 16 dovrebbero concludere questa misura tra pochi giorni

29 settembre - 20:36

L’assessore all’istruzione parla di “discriminazione ai danni dei nostri cittadini” ma l’unica ad aver discriminato qualcuno è la Provincia di Trento, così come stabilito da un giudice. Se un tribunale, di fronte a un ricorso di un cittadino, applica le leggi la colpa non è sua ma di quella Giunta incapace di scrivere un provvedimento degno di questo nome

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato