Contenuto sponsorizzato

WIRun a Trento, in mille per dire ''No alla violenza sulle donne"

Parte del ricavato dell'iniziativa sarà devoluto al fondo "La violenza non è un destino"

Pubblicato il - 26 novembre 2017 - 12:17

TRENTO. Mostrare la forza del gruppo, intendere lo sport come strumento per rafforzare la sicurezza in se stessi ma soprattutto sostenere le donne vittime di violenza che vogliono riprendere in mano la propria vita.

 

Sono stati quasi un migliaio i partecipanti della WIRun, la corsa di 5 chilometri che si è tenuta questa mattina all'interno delle iniziative promosse per la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.

 

 

Una vera e propria onda di palloncini rossi che da piazza Dante ha attraversato le vie del centro storico. Presenti tantissimi cittadini, associazioni ma anche politici a partire dagli assessori provinciali Sara Ferrari e Luca Zeni, il vicesindaco di Trento, Paolo Biasioli, la consigliera di Parità Eleonora Stenico e la consigliera provinciale Lucia Maestri.

 

La corsa di questa mattina è voluta essere anche un'occasione concreta per dare una mano alle tante donne che riescono ad uscire dalla scia di violenza e decidono di ricostruirsi la vita. Ecco allora che metà ricavato delle iscrizioni sarà devoluto al fondo “La violenza non è un destino”. Il fondo nato qualche anno fa e che offre alle donne degli aiuti finanziari per realizzare dei progetti o far fronte a delle necessità.

WIRun a Trento, in mille per dire no alla violenza sulle donne

“E' un fondo importante – ha spiegato Mara Rinner della Fondazione Famiglia Materna – per le donne che escono da un percorso di violenza e possono essere in questi modo aiutate. Vengono finanziati progetti e necessità dal pagamento dei corsi per prendersi la patente al pagamento dell'anticipo di un affitto. Le richieste vengono tutte analizzate ad una commissione ad hoc e al fondo possono accedervi tutte le associazioni”.

Accanto alla Fondazione Famiglia Materna la gestione è affidata anche al Punto d'Approdo.

 

Per WIRun a correre questa mattina sono state anche delle testimonial d'eccezione, atlete che praticano sport diversi, più o meno popolari. Un gesto simbolico per manifestare come la diversità di interessi e passioni nella vita di una donna sia un elemento da valorizzare. Tra loro la campionessa europea di rally Gabriella Pedroni, la navigatrice di rally Chiara Corso, la runner/trail Giulia Scardoni, la sciatrice della nazionale sci di fondo Lucia Scardoni, l’atleta di ironman Angela Fogarolli, l’arbitra di calcio Elisa Piras, l’ultramaratoneta Monica Carlin, la sciatrice di sci alpinismo Elena Nicolini, e la rugbista Martina Bortolotti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

18 settembre - 18:49

Domenica 20 e lunedì 21 settembre si vota in provincia di Trento per eleggere sindaci e consigli comunali e per il referendum confermativo del testo della legge costituzionale in materia di riduzione dei parlamentari. Ecco i protocolli sanitari per evitare i contagi

19 settembre - 15:55

L'escursionista, che si trovava con un amico all'uscita della 23esima galleria, ha perso l'equilibrio sul bordo della scarpata ed è caduto nel vuoto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato