Contenuto sponsorizzato

A Caldaro arriva la corsa sui tacchi a spillo per uomini e donne

La curiosa iniziativa si terrà nell’ambito della trentesima edizione del Triathlon del Lago di Caldaro

Pubblicato il - 11 aprile 2018 - 12:07

CALDARO. Fare 60 metri a perdifiato sui tacchi a spillo, con un regolamento a delimitare l'altezza minima dei tacchi a 7 centimetri. Nell’ambito della trentesima edizione del Triathlon del Lago di Caldaro, si terrà i 4 maggio una curiosa iniziativa: l’High Heel Run.

 

Si tratta di una curiosa corsa che farà divertire e competere sia le donne ma anche uomini. Tutti partiranno in diversi gruppi, con i migliori ad accedere al round successivo, selezionando casualmente tra gli iscritti i due concorrenti che si sfideranno a due a due ad ogni tornata.

La sfida si svolgerà all’interno del cortile della “Cantina Kettmeir” di Caldaro, a coronamento di una sontuosa festa che vedrà (ovviamente) pasteggiare con del buon vino e sfiziosità un’ora prima dello start della competizione, in occasione del Welcome Party riservato agli atleti.

 

L’High Heel Run verrà infine anticipato dagli “Slackline Contest” in equilibrio sulla fune, lunedì 30 aprile e martedì 1° maggio, graditi contorni dell’evento principale che andrà in scena nella giornata di sabato. Per informazioni ed iscrizioni consultare il sito web www.kalterersee-triathlon.com

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato