Contenuto sponsorizzato

A Pinzolo ritorna il Corpo di Polizia Locale. Il neo comandante sarà Filippo Paoli e la vice Chiara Grazioli

Il Corpo si struttura su una pianta organica di 15 addetti, coperta al momento da 7 addetti a tempo indeterminato e rafforzata da 12 addetti a tempo determinato durante l'inverno e da 6 addetti a tempo determinato in estate

Pubblicato il - 05 gennaio 2018 - 15:53

PINZOLO. Dal primo gennaio a Pinzolo ritorna il Corpo di Polizia Locale. Il comandante, incaricato con decreto sindacale, sarà Filippo Paoli, 33 anni, di Tione, laureato in Scienze Politiche, dipendente del Comune di Tione dal 2006 mentre ad affiancarlo sarà, in qualità di vice comandante, Chiara Grazioli, anche lei dipendente del Comune di Pinzolo da una quindicina d’anni. Dal 2012 è lei che ha retto il Servizio di Polizia Locale come coordinatore degli agenti con il ruolo di Ispettore.

 

Pinzolo è stato uno dei primi comuni in Trentino ad istituire il Corpo di Polizia Locale sul finire degli anni ‘70 mantenendolo fino al 2012, quando l’allora Comandante, Loreto Leone, raggiunse l’età della pensione.

 

“Con orgoglio ripristiniamo questa struttura”. Ha spiegato il sindaco Michele Cereghini. “E’ stata una scelta dettata dalla necessità di riordinare il servizio che, strutturandosi come Corpo, esalta il proprio prestigio ma, soprattutto, può assumere maggior qualità nella sua organizzazione, senza alcun costo per il Comune”. Pur essendo giovani, comandante e vice comandante hanno entrambi alle spalle un’ottima preparazione e una lunga esperienza, maturata proprio nella realtà locale.

 

“Con la nomina di queste due figure - prosegue Cereghini - abbiamo voluto gratificare queste due professionalità che crediamo siano all’altezza di condurre il servizio con efficienza. In questa operazione di ripristino del Corpo, si è prestata molta attenzione alle risorse umane coinvolte e alla loro dignità professionale”.

 

Per entrambe queste figure la nomina rappresenta, infatti, un avanzamento di carriera ma “saranno valorizzati tutti gli agenti in ruolo” ha assicurato il Sindaco.

 

Il Corpo si struttura su una pianta organica di 15 addetti, coperta al momento da 7 addetti a tempo indeterminato e rafforzata da 12 addetti a tempo determinato durante la stagione invernale e da 6 addetti a tempo determinato durante la stagione estiva.

 

Pur essendo nato da poco, le prospettive per il Corpo sono piuttosto chiare, indirizzandosi maggiormente alle funzioni di polizia giudiziaria e alla massima copertura del territorio. “Il nodo fondamentale dell’alta Rendena è la viabilità”spiega il comandante Paoli. “Soprattutto in periodi di massima affluenza turistica, come in questa stagione, gli operatori sono impegnati quotidianamente sulle strade. L’obiettivo che vorrei raggiungere è quello di ritagliare margini tali da poter garantire più controlli straordinari del territorio con pattuglie, anche notturne e nel fine settimana, finalizzati anche alla prevenzione dei furti in abitazione e alla repressione di qualsiasi tipo di illecito, ovviamente in collaborazione con i Carabinieri”.

Al momento, al servizio di Pinzolo si appoggiano anche i comuni della gestione associata (Carisolo, Massimeno e Giustino) ma sono in corso valutazioni tra le amministrazioni per arrivare, entro l’estate, ad avere una convenzione snella, moderna e operativa che possa coprire agilmente tutto il territorio dell’alta Rendena.

 

Il servizio di Polizia Locale è prestato tutti i giorni dell’anno dalle 7 alle 19, orario che si allunga fino alle 22 durante le stagionalità oppure per tutta la notte in occasione di eventi particolari.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 11:55

Tovaglie e stoviglie stese a terra per una manifestazione ordinata e silenziosa: “Vogliamo ribadire con chiarezza che il settore dei pubblici esercizi e della ristorazione sta soffrendo in modo pesantissimo le limitazioni imposte dalla normativa anti-covid”

28 ottobre - 11:41

Una recrudescenza dell'epidemia importante e il presidente Arno Kompatscher si è trovato a firmare diverse ordinanze per cercare di fronteggiare la diffusione di Covid-19, il governatore ha fatto anche un appello: "Ci troviamo di fronte alle settimane decisive per interrompere la catena dei contagi. E' fondamentale fermare la diffusione del virus per tutelare scuola e lavoro”

27 ottobre - 19:32

Sono tante le lettere e i messaggi diretti al presidente Fugatti di cittadini che non hanno capito perché in Trentino si stia perseverando con la didattica totalmente in presenza (addirittura alzando il numero di contagiati necessari per mettere le classi in quarantena alle elementari e alle medie). Ne pubblichiamo due: ''Anche noi preferiamo certamente la didattica in presenza, così come andare fuori a cena,  o andare in palestra; ma allora a maggior ragione ci vogliono tracciamenti rapidi e completi che paiono totalmente saltati''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato