Contenuto sponsorizzato

Adunata, ecco come cambia la raccolta dei rifiuti per privati, bar e negozi. Con la plastica si costruirà un parco giochi

L'Ana ha fissato l'obiettivo di raggiungere il 90% di differenziata e per questo sono predisposti cento punti di raccolta in tutta la città, ognuno dei quali sarà presidiato da un volontario del gruppo. I possessori di tessera sono invitati a non conferire rifiuti in quei giorni nelle isole ecologiche. I Crm saranno chiusi

Pubblicato il - 27 aprile 2018 - 12:19

TRENTO. Raccolta dei rifiuti, si cambia, per l'Adunata degli Alpini. La città si prepara all'invasione e mentre sale oltre alla curiosità, anche un po' d'ansia da prestazione continuano ad arrivare le comunicazioni ufficiali utili ai cittadini per vivere in maniera meno drammatica quei tre giorni. Detto della chiusura del traffico e di altri cambiamenti oggi è tempo di raccolta differenziata. 

 

La raccolta della carta e della frazione organica, infatti, nel quartiere di San Giuseppe in calendario il venerdì pomeriggio sarà anticipata a giovedì 10 pomeriggio. Il Centro integrato in Tangenziale Ovest e i Crm resteranno chiusi giovedì, venerdì e sabato. I cittadini del centro storico muniti di tessera sono invitati a non conferire i rifiuti alle isole ecologiche nei giorni dell'Adunata, in quanto il grande afflusso di persone potrebbe impedire lo svuotamento dei contenitori.

 

Sono previsti cambiamenti nella raccolta anche per le bar e negozi del centro storico. Mercoledì 9 maggio saranno raccolte tutte le tipologie di rifiuti differenziati (organico, vetro, carta e cartone, imballaggi leggeri e residuo) nei consueti orari. Da giovedì 10 a domenica 13 maggio bar, ristoranti e alberghi sono invitati a esporre contenitori e sacchi di rifiuti il più tardi possibile e in ogni caso entro le 2 di notte. I contenitori vuoti dovranno essere ritirati al mattino entro le 8. Ai negozi è richiesto di non esporre imballaggi di cartone e plastica di fronte al negozio prima della mezzanotte, in modo da non lasciare i rifiuti alla mercé di possibili atti incivili.

 

Da lunedì 14 maggio il servizio riprenderà con consueti modalità e orari. L'obiettivo dichiarato, comunque, è quello di raggiungere il 90% di differenziata per trasformare poi la plastica riciclata in giochi per bambini che verranno donati al Comune per essere posizionati in un parco cittadino. 

 

La certezza, infatti, è che le 600 mila persone attese, concentrate in un'area di pochi chilometri quadrati, produrranno una massa di rifiuti enorme, che andrà raccolta e smaltita. A questo proposito l'Ana si è posta un obiettivo ambizioso: arrivare durante l'Adunata al 90 per cento di raccolta differenziata, superando dunque anche il pur ragguardevole 81 per cento raggiunto dalla città di Trento. Per centrare l'obiettivo, sono stati predisposti cento punti di raccolta in tutta la città, ognuno dei quali sarà presidiato da un volontario del gruppo composto da alpini, ragazzi delle scuole superiori in alternanza scuola-lavoro, rifugiati e lavoratori socialmente utili. Saranno presenti inoltre nove “punti verdi” informativi e di supporto ai punti di raccolta presidiati da personale di Dolomiti Ambiente e da volontari.

 

Che fine farà la gran mole di stoviglie di plastica utilizzate nei giorni dell'Adunata? Grazie alla collaborazione del Corepla – il Consorzio nazionale per la raccolta e il riciclo degli imballaggi in plastica – piatti, bicchieri e imballaggi avranno una seconda vita: saranno trasformati infatti in giochi per bambini, che saranno donati al Comune e collocati in un parco della città.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

14 dicembre - 19:51

Si tratta di un uomo di 53 anni di Zambana. Faceva parte di un gruppo di tre persone. I soccorritori sono riusciti ad individuarlo e dopo averlo estratto da sotto la neve, in stato iniziale di ipotermia, è stato trasportato a Merano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato