Contenuto sponsorizzato

Al poliambulatorio di Mezzolombardo i posti per i disabili solo un optional: uno è usato per la neve, su altri due c'è un cantiere

Accedere alla struttura per una persona con problemi di deambulazione può diventare molto complicato. L'unico parcheggio libero è all'inizio dell'"imbuto" che conduce al parcheggio auto attiguo alla struttura e in caso di sosta di altre auto lungo il corrimano finisce per ostruire tutto il traffico

Di Luca Pianesi - 19 gennaio 2018 - 21:16

MEZZOLOMBARDO. A vederlo così fa davvero impressione: due posti riservati ai disabili coperti dai "lavori in corso" un altro occupato dalla neve di fine anno scorso, ammucchiata, ormai annerita da smog e polveri. Un unico posteggio e mezzo, sono quindi fruibili per una persona con problemi di deambulazione o handicap di vario tipo. Di cosa stiamo parlando? Del poliambulatorio di Mezzolombardo, di una struttura sanitaria cruciale per il territorio della Piana Rotaliana.

 

Una struttura che langue, in queste condizioni, da molto tempo e i problemi si sentono tra i cittadini visto che i lavori in corso stanno creando difficoltà di accesso alla struttura a tutti, i parcheggi sono ridotti e quelli attigui all'edificio sono sempre occupati spesso in maniera caotica.

 

 

A fianco al corrimano vicino alla scala e allo scivolo che porta alla struttura le auto non dovrebbero parcheggiare ma parcheggiano, trasformando l'unico posto libero esistente per disabili in una sorta di tappo per tutta la viabilità.

 

 

Insomma la situazione è insostenibile ed è scandaloso che un posteggio per disabili sia stato usato per ammucchiare la neve dell'inverno come fosse uno spazio inutile e superfluo. Se aggiungiamo che non si è pensato, prima di aprire il cantiere, a non coprire il 50% degli stalli gialli presenti vicini all'entrata della struttura sanitaria e poi non si è nemmeno immaginato di crearne altrettanti di provvisori il quadro, brutto, è completo. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 09:56

Andrea Weiss (Apt val di Fassa): "Un comparto fondamentale nel breve termine dobbiamo prepararci. La promozione? Delicatissima, ci sono tanti morti e si rischia di urtare la sensibilità del turista. Si potrebbe guardare poi a Francia e Germania per il futuro della strutturazione delle ferie italiane"

29 novembre - 10:21

Secondo le prime informazioni, il governo dovrebbe mantenere misure piuttosto stringenti per evitare che i contagi tornino a salire. I dati non sono infatti abbastanza bassi da poter immaginare un "rompete le righe". Si valutano il blocco dello spostamento fra Regioni una settimana prima di Natale, l'assenza di qualsiasi deroga sul coprifuoco (che rimarrebbe alle 22) e un'apertura straordinaria dei negozi per evitare assembramenti

29 novembre - 09:06

Drammatico il bollettino del Coronavirus nelle ultime 24 ore in provincia di Belluno. Sono 196 infatti i nuovi contagi registrati, mentre 5 persone sono decedute in due strutture ospedaliere del capoluogo. Oltre 4600 gli attuali contagiati nel territorio provinciale. Nella mattinata di domenica 29 novembre si svolgerà inoltre lo screening mirato ad Auronzo di Cadore

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato