Contenuto sponsorizzato

Andrea Cozzatti è stato ucciso in casa da una coltellata. Sentito nella notte l'uomo che abitava nell'appartamento

L'omicidio è avvenuto ieri sera in un appartamento in via Maccani. Sul posto la scientifica e le forze dell'ordine. Conzatti era ospite di un amico che è stato portato in questura per essere interrogato  (QUI L'AGGIORNAMENTO)

Di Giuseppe Fin - 26 marzo 2018 - 08:48

TRENTO. E' un atroce delitto quello che si è consumato ieri sera a Trento e che ha visto la morte di Andrea Cozzatti, 44 anni. Il corpo dell'uomo è stato trovato riverso a terra nell'appartamento Itea di via Maccani 22. Secondo le prime informazioni la morte sarebbe stata provocata da una coltellata mortale alla schiena.

L'uomo con cui Conzatti abitava nell'appartamento è stato portato in Questura ed è stato interrogato nel corso della notte. Sarebbe stato lui a dare l'allarme e a fornire alle forze dell'ordine la prima versione dei fatti. L'amico avrebbe infatti raccontato alla polizia che Andrea Cozzatti avrebbe ricevuto una coltellata alla schiena in una piazza della città e poi si sarebbe diretto verso casa per farsi aiutare.

 

Una versione, questa, con diversi punti di domanda e alla quale gli inquirenti non hanno creduto. Immediatamente le forze dell'ordine, con la Scientifica, hanno infatti controllato tutta l'area esterna senza trovare alcuna traccia di sangue.

 

L'uomo, attorno alle 22.30, è stato quindi portato in Questura per essere interrogato. Gli è stata fatta indossare una tuta bianca della Scientifica per evitare che eventuali tracce ematiche sui vestiti venissero cancellate. Il Pm di turno Marco Gallina, giunto immediatamente sul posto assieme al capo della mobile Salvatore Ascione, non ha rilasciato dichiarazioni.

 

 

Le ipotesi del delitto sono al vaglio degli inquirenti.Tra le motivazioni una possibile lite finita male che potrebbe essere anche riconducibile a problemi di droga.

 

Conzatti lavorava all'interno del programma  "Azione 19", non abitava nella casa di via Maccani, ma aveva vissuto con la madre a Vezzano e da circa un anno in affitto a Padergnone. 

 

La Scientifica ha proseguito i rilievi nell'appartamento e negli spazi comuni del condominio dove è avvenuto l'omicidio. Sono stati controllati anche i cestini dei rifiuti che si trovavano in prossimità dell'abitazione. Verso mezzanotte sul posto si è portato anche l'anatomopatologo. Il corpo della vittima è stato portato poi presso la camera mortuaria del cimitero di via Giusti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 13:32

Il presidente della Provincia, assieme agli altri rappresentanti regionali leghisti, ha fatto da apripista del Capitano e ha cercato di sfoderare tre provvedimenti ''immagine'' adottati in Trentino nel primo anno di governo. Sul bonus bebè ha ricordato orgoglioso che ''non vale per tutte le famiglie'' (sia mai che si faccia una cosa per tutta la comunità) ma ha finito per esagerare sui ''limiti''

19 gennaio - 12:21

Erano all’incirca le 6e45 di mattina quando un furgoncino, parcheggiato in un garage, ha preso fuoco. Per diradare la coltre di fumo che aveva invaso il piano interrato i pompieri hanno utilizzato dei potenti ventilatori 

17 gennaio - 19:46

L’associazione cacciatori nel mirino di Filippo Degasperi: “Com’è possibile che l’ex direttore dell’Ufficio faunistico della Pat ricopra il ruolo direttore generale dell’Associazione Cacciatori Trentini, mentre si trova ancora in aspettativa?”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato