Contenuto sponsorizzato

Andrea Cozzatti è stato ucciso in casa da una coltellata. Sentito nella notte l'uomo che abitava nell'appartamento

L'omicidio è avvenuto ieri sera in un appartamento in via Maccani. Sul posto la scientifica e le forze dell'ordine. Conzatti era ospite di un amico che è stato portato in questura per essere interrogato  (QUI L'AGGIORNAMENTO)

Di Giuseppe Fin - 26 marzo 2018 - 08:48

TRENTO. E' un atroce delitto quello che si è consumato ieri sera a Trento e che ha visto la morte di Andrea Cozzatti, 44 anni. Il corpo dell'uomo è stato trovato riverso a terra nell'appartamento Itea di via Maccani 22. Secondo le prime informazioni la morte sarebbe stata provocata da una coltellata mortale alla schiena.

L'uomo con cui Conzatti abitava nell'appartamento è stato portato in Questura ed è stato interrogato nel corso della notte. Sarebbe stato lui a dare l'allarme e a fornire alle forze dell'ordine la prima versione dei fatti. L'amico avrebbe infatti raccontato alla polizia che Andrea Cozzatti avrebbe ricevuto una coltellata alla schiena in una piazza della città e poi si sarebbe diretto verso casa per farsi aiutare.

 

Una versione, questa, con diversi punti di domanda e alla quale gli inquirenti non hanno creduto. Immediatamente le forze dell'ordine, con la Scientifica, hanno infatti controllato tutta l'area esterna senza trovare alcuna traccia di sangue.

 

L'uomo, attorno alle 22.30, è stato quindi portato in Questura per essere interrogato. Gli è stata fatta indossare una tuta bianca della Scientifica per evitare che eventuali tracce ematiche sui vestiti venissero cancellate. Il Pm di turno Marco Gallina, giunto immediatamente sul posto assieme al capo della mobile Salvatore Ascione, non ha rilasciato dichiarazioni.

 

 

Le ipotesi del delitto sono al vaglio degli inquirenti.Tra le motivazioni una possibile lite finita male che potrebbe essere anche riconducibile a problemi di droga.

 

Conzatti lavorava all'interno del programma  "Azione 19", non abitava nella casa di via Maccani, ma aveva vissuto con la madre a Vezzano e da circa un anno in affitto a Padergnone. 

 

La Scientifica ha proseguito i rilievi nell'appartamento e negli spazi comuni del condominio dove è avvenuto l'omicidio. Sono stati controllati anche i cestini dei rifiuti che si trovavano in prossimità dell'abitazione. Verso mezzanotte sul posto si è portato anche l'anatomopatologo. Il corpo della vittima è stato portato poi presso la camera mortuaria del cimitero di via Giusti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato