Contenuto sponsorizzato

Andrea Diprè prepara il pollo alla cocaina e la Parodi lo porta in tribunale

Dipré ha girato un video che ora finirà a giudizio con l'accusa di diffamazione  

Pubblicato il - 25 marzo 2018 - 10:43

TRENTO. Nuovi guai per Andrea Diprè, l'ex avvocato ed ex giornalista radiato dai rispettivi ordini. Al centro dell'attenzione ci sarebbe ora un suo video che ha realizzato prendendo una ricetta del pollo al curry presentata in tv da Benedetta Parodi. Una ricetta che però Dipré, con chiari riferimenti alla trasmissione della Parodi, avrebbe trasformato girando un video con ragazze poco vestite arrivate in suo aiuto per preparare il “pollo  alla cocaina”.

 

All'interno del filmato Andrea Diprè canta, fa presunte sniffate oltre a diversi primi piani del lato b di molte ragazze

 

Il video caricato su Youtube ha avuto migliaia di visualizzazioni ma a non apprezzare la ricetta di Dipré è stata Benedetta Parodi che l'ha querelato per diffamazione. La procura aveva chiesto l'archiviazione ritenendo che il video rientrasse nei limiti della satira ma l'avvocato della Parodi si è opposto ritenendo le immagini del video di Diprè lesive per la nota presentatrice. Motivazioni, queste, ritenute valide dal giudice della indagini preliminari che ha deciso per l'imputazione coatta. 

 

Il “pollo alla cocaina” e la diffamazione saranno oggetto ora di un processo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 19:25

Siamo riusciti ad assistere alla commissione dopo l'esito di una votazione grazie all'ok di 5 consiglieri contro 2. All'interno si è parlato di Santa Chiara, di Lucio Gardin e della candidatura a sindaco di Trento di Divina. Si è parlato dei tagli delle risorse (-15%) e di feste vigiliane. Ecco cosa è successo

29 gennaio - 20:19

Francesca Businarolo esulta dopo che il governatore Zaia avrebbe chiesto di far ritirare la proposta di taglio del parco naturale addirittura del 18% della sua estensione. Una vittoria dei cittadini e delle 10.000 persone che hanno aderito alla camminata per fermare questa operazione

29 gennaio - 16:12

La decisione è arrivata ieri sera in consiglio comunale durante la discussione di una mozione presentata dal consigliere di Altra Trento a Sinistra Jacopo Zannini. Dall'ottobre del 2018 i richiedenti protezione internazionale, infatti, non possono più iscriversi all'anagrafe. Si attende anche la sentenza della Corte costituzionale 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato