Contenuto sponsorizzato

Avevano in casa fucili, armi e munizioni della seconda guerra mondiale, nei guai due fratelli

Questa attività di indagine prende le mosse dall'operazione 'Ultimo botto', quando i carabinieri di Imer hanno arrestato Graziano Romagna di Mezzano. Perquisizione a Canazei, passo Pordoi, Primiero e Canal San Bovo. In campo carabinieri, artificieri di Bolzano e tre unità cinofile

Di Luca Andreazza - 31 gennaio 2018 - 11:50

CAVALESE. Un moschetto, un fucile 'Budapest', 117 cartucce di vario calibro, 100 grammi di polvere da sparo, otto detonatori in rame e dieci metri di miccia a lenta combustione, nei guai due fratelli di Canal San Bovo per detenzione di armi e materiale esplodente.

"Questo - spiega Luca Volpi, comandante dei carabinieri di Trento - materiale è stato rinvenuto nel garage delle abitazioni. Si tratta di reperti datati e quindi potenzialmente pericolosi per l'instabilità a causa del tempo trascorso in quanto presumibilmente risalente alla seconda guerra mondiale".

 

Questa attività di indagine prende le mosse dall'operazione 'Ultimo botto', quando i carabinieri di Imer hanno arrestato Graziano Romagna di Mezzano. In quel caso nell'abitazione del 51enne era stato trovato un arsenale tra detonatori, micce  e munizioni (Qui articolo). 

 

Gli sviluppi dell'attività investigativa tra la raccolta e la verifica di informazioni, ma anche osservazioni hanno portato alla perquisizione di quindici abitazioni a Canazei, passo Pordoi, Primiero e Canal San Bovo. 

 

In campo sono scesi carabinieri delle diverse unità territoriali, gli artificieri di Bolzano e tre unità cinofile di LaivesTorreglia in provincia di Padova.

"Abbiamo allargato il raggio d'azione - dice Enzo Molinari, maggiore dei carabinieri di Cavalese - per raggiungere un risultato certo e sicuro. Le persone non sono collegate tra loro anche per la diversità del materiale trovato: quello trovato in casa di Romagna era di utilizzo civile e proveniente dai paesi dell'ex Jugoslavia, mentre questo è di tipo militare e presumibilmente risale alla guerra".

 

In atto ci sono le perizie tecniche sui fucili per capire se questi fucili sono stati utilizzati e lo stato di conservazione, mentre resta ancora da chiarire come i due fratelli siano entrati in possesso di questo materiale, le indagini sono state affidate alla pm Alessandra Liverani.

 

Il materiale e le armi rinvenuti nel corso di quest’ultima operazione sono stati sequestrati e i due fratelli, R.M. di 54 anni e R.G. di 53 anni, entrambi di Canal San Bovo, sono stati denunciati in stato di libertà all'Autorità giudiziaria per le relative violazioni penali e alle leggi speciali.

  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 novembre - 13:55

Diverse le valanghe, due in particolare di grandi dimensioni, che sono piombate sulla carreggiata lungo la strada statale 42, diversi i veicoli sfiorati, mentre due vetture sono state centrata dallo scivolamento della neve dalla rampa dell'arteria

15 novembre - 13:25

Situazione difficile anche in Alto Adige, quasi tutti i passi sono stati chiusi per ragioni di sicurezza. Il grado di pericolosità per quanto riguarda le valanghe è stato portato al livello forte, il quarto su una scala di cinque. Dalle 21 di ieri sera l'autostrada del Brennero in direzione Nord, a partire da San Michele all'Adige, sarà percorribile lungo una sola corsia di marcia

15 novembre - 11:36

L'incidente è avvenuto questa mattina ed ha comportato alcuni problemi al traffico. Sul posto i vigili del fuoco, soccorsi sanitari e io carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato