Contenuto sponsorizzato

Bevevano alcol alla festa campestre, due minori sanzionati. Fine settimana di controlli da parte della polizia locale

E' stato multato anche il maggiorenne che aveva ceduto ad un minore la bevanda alcolica

Pubblicato il - 25 giugno 2018 - 09:57

SELLA GIUDICARIE. Un sabato sera finito non nel migliore dei modi per due minorenni che avevano scelto una festa campestre a Sella Giudicarie per divertirsi ben al di sopra del limite consentito. Per farlo l'ingrediente che non hanno voluto rinunciare è l'alcol.

 

A pizzicarli sono stati, però, gli agenti della polizia locale che hanno sanzionato i due minorenni per l'abuso di alcol ma anche un maggiorenne che aveva ceduto ad uno dei due ragazzi la bevanda alcolica.

 

L'intervento è rientrato nel piano di controlli messo in campo nella notte tra sabato e domenica e che ha visto sul campo gli agenti della polizia locale del Valle del Chiese, Giudicarie e Pinzolo.

 

In tutto sono state controllate 200 auto, sono state elevate 2 sanzioni per veloci pericolosa e una per guida in stato di ebbrezza. Due invece le feste controllate.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 13:23

Ecco quali sono le strade chiuse in provincia di Trento e il livello neve sui diversi territori. Fiumi monitorati con Brenta e Leno osservati speciali (anche se i momenti di piena sono stati venerdì notte con portate anche dieci volte superiori al normale)

17 novembre - 13:44

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19e30 di ieri, all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale 34. Nello scontro sono rimasti coinvolti due veicoli, il ferito più grave risulta essere un 33enne

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato