Contenuto sponsorizzato

Cadono massi, sentiero della Ponale chiuso e i pompieri riportano le persone bloccate a Riva

Il tracciato, recentemente riqualificato con alcuni interventi di manutenzione, è stato oggetto di una scarica di sassi. Nessuna persona coinvolta. Vigili del fuoco e geologo sul posto per valutare la situazione. I pompieri di Riva si mettono a disposizione per far rientrare alcuni escursionisti bloccati a Molina

Di Luca Andreazza - 07 ottobre 2018 - 17:55

RIVA DEL GARDA. Chiuso il sentiero della Ponale a causa della caduta di alcuni massi. Fortunatamente nessuna persona è rimasta coinvolta, ma sono entrati subito in azione i vigili del fuoco di Riva e i permanenti di Trento, oltre al geologo della Provincia per valutare la situazione.

 

Un po' per la morfologia del territorio e un po' per la manutenzione delle reti paramassi, non è la prima volta che scariche di sassi cadono lungo il tracciato. Nel 2017 l'episodio più grave, una bambina di 2 anni era stata colpita alla testa e trasportata all'ospedale (Qui articolo). La Provincia era corsa ai ripari e avviato una serie di interventi.  

 

Recentemente riqualificato e riaperto in primavera dopo i numerosi interventi per la messa in sicurezza (Qui articolo), il percorso è stato oggetto oggi di una scarica di sassi, che ha reso necessario il provvedimento di interdire il passaggio agli escursionisti.

 

A causa dell'improvvisa interruzione del tracciato, i vigili del fuoco di Riva si sono visti costretti a effettuare alcuni transfer per far rientrare alcuni escursionisti bloccati a Molina, che dovevano ritornare a Riva del Garda.

 

Fortunatamente, come anticipato, questa scarica di sassi non ha colpito nessuna persona. Dopo la messa in sicurezza e la pulizia dai detriti, il sentiero ritornerà transitabili e pienamente operativo.

 

Il sentiero della Ponale è la vecchia strada che collega Riva del Garda alla Val di Ledro, tra i tracciati più suggestivi e panoramici, frequentato da numerosi escursionisti a piedi e biker.

 

La strada, scavata nella roccia nella seconda metà del 1800, è stata dismessa dopo la realizzazione della galleria circa vent’anni fa.

 

La riscoperta avviene nel 2014, quando viene trasformata in un sentiero aperto anche al transito delle bici. Tra gallerie e rocce, è tra i percorsi più conosciuti e belli per le caratteristiche ambientali e storiche in quanto si passa davanti alla storica centrale idroelettrica

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 maggio - 19:26

Dai costi elevati alla mancanza di un progetto ben definito problemi e possibili soluzioni per “l’Amazon trentina”. L’esperto: “Come per qualsiasi attività commerciale, o vi è un profitto o non c’è motivo per cui debba rimanere aperta. L’online è una risorsa, non una minaccia, ma solo se la si sa utilizzare nelle misure e nei contesti adeguati”

31 maggio - 19:25

Non sono stati registrati decessi nelle ultime 24 ore, il quarto giorno consecutivo senza morti legati a Covid-19. Ci sono 5.432 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 1.910 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,05%

31 maggio - 19:23

Si tratta di Guido Casarotto. L'uomo era a bordo di una delle due macchine che il 25 maggio si erano scontrate sulla strada provinciale 235 all'altezza di Lavis

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato