Contenuto sponsorizzato

Grosso masso si schianta sulla strada del Ponale. Mosaner: "Chiusi entrambi gli accessi, non ci sono persone coinvolte"

Con ogni probabilità il blocco di roccia si è staccato a causa delle insistenti piogge di questa mattina. Il sindaco Mosaner: "Sono in contato con tecnici e vigili del fuoco saliti per mettere in sicurezza l'area ed effettuare le opportune verifiche"

 

Pubblicato il - 06 novembre 2019 - 10:45

RIVA DEL GARDA. Stando alle prime informazioni il grande masso si è staccato questa mattina, probabilmente a causa delle piogge che in questi giorni hanno colpito la zona dell'Alto Garda. Possiamo affermare con certezza che nessuna persona è rimasta coinvolta.

 

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Riva del Garda e quelli di Molina di Ledro con i tecnici specializzati per valutare la situazione, mettere in sicurezza l'area a fare i rilievi del caso. Nel frattempo il Comitato Giacomo Cis ha allertato il geologo della Provincia.

 

In primo luogo si sta cercando di capire da dove sia caduto il masso, anche se giudicando dalla foto è probabile che lo stesso non sia precipitato da un'altezza elevata. Anzi secondo quanto riferito dai presenti si tratta di un singolo grande masso che, dopo essersi staccato dalla parete da un'altezza non superiore ai 7 metri, è scivolato fino alle reti di protezione che se da un lato sono state sfondate hanno comunque contribuito a rallentarne la caduta. 

 

Il blocco di roccia è caduto proprio al centro del sentiero, frammentandosi in alcuni punti, all'altezza di una sporgenza della roccia. Il sindaco Adalberto Mosaner ha affermato: "Sono in contato con tecnici e vigili del fuoco saliti per mettere in sicurezza l'area ed effettuare le opportune verifiche".

 

La strada del Ponale non è nuova a simili episodi, già lo scorso anno una scarica di massi si era abbattuta sul sentiero costringendo le autorità a chiudere il tracciato (QUI articolo). L'episodio più grave nel 2017 quando una bambina venne colpita alla testa da delle rocce e trasportata all'ospedale (QUI articolo).

 

 

Per ovvie questioni di sicurezza la strada è stata chiusa in entrambe le direzioni, pertanto non sarà possibile percorrere il sentiero. I vigili del fuoco inoltre, hanno percorso tutto il sentiero verificando che non vi fossero persone in transito o che si fossero verificate altre frane. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 04:01

Mentre i positivi continuano a scendere, per la comunicazione ufficiale, siamo andati ad analizzare i dati completi per capire se anche i positivi agli antigenici calano. Ecco il focus su una decina di comuni con il confronto rispetto a una settimana fa. Ebbene se Pergine ha ridotto i contagiati attivi di 129 unità e Baselga di Piné è scesa, fortunatamente, sotto il 3% soglia critica per la ''zona rossa'' in molte altre realtà il totale di positivi è aumentato per un dato globale che si mostra stabile 

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato