Contenuto sponsorizzato

Grosso masso si schianta sulla strada del Ponale. Mosaner: "Chiusi entrambi gli accessi, non ci sono persone coinvolte"

Con ogni probabilità il blocco di roccia si è staccato a causa delle insistenti piogge di questa mattina. Il sindaco Mosaner: "Sono in contato con tecnici e vigili del fuoco saliti per mettere in sicurezza l'area ed effettuare le opportune verifiche"

 

Pubblicato il - 06 novembre 2019 - 10:45

RIVA DEL GARDA. Stando alle prime informazioni il grande masso si è staccato questa mattina, probabilmente a causa delle piogge che in questi giorni hanno colpito la zona dell'Alto Garda. Possiamo affermare con certezza che nessuna persona è rimasta coinvolta.

 

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Riva del Garda e quelli di Molina di Ledro con i tecnici specializzati per valutare la situazione, mettere in sicurezza l'area a fare i rilievi del caso. Nel frattempo il Comitato Giacomo Cis ha allertato il geologo della Provincia.

 

In primo luogo si sta cercando di capire da dove sia caduto il masso, anche se giudicando dalla foto è probabile che lo stesso non sia precipitato da un'altezza elevata. Anzi secondo quanto riferito dai presenti si tratta di un singolo grande masso che, dopo essersi staccato dalla parete da un'altezza non superiore ai 7 metri, è scivolato fino alle reti di protezione che se da un lato sono state sfondate hanno comunque contribuito a rallentarne la caduta. 

 

Il blocco di roccia è caduto proprio al centro del sentiero, frammentandosi in alcuni punti, all'altezza di una sporgenza della roccia. Il sindaco Adalberto Mosaner ha affermato: "Sono in contato con tecnici e vigili del fuoco saliti per mettere in sicurezza l'area ed effettuare le opportune verifiche".

 

La strada del Ponale non è nuova a simili episodi, già lo scorso anno una scarica di massi si era abbattuta sul sentiero costringendo le autorità a chiudere il tracciato (QUI articolo). L'episodio più grave nel 2017 quando una bambina venne colpita alla testa da delle rocce e trasportata all'ospedale (QUI articolo).

 

 

Per ovvie questioni di sicurezza la strada è stata chiusa in entrambe le direzioni, pertanto non sarà possibile percorrere il sentiero. I vigili del fuoco inoltre, hanno percorso tutto il sentiero verificando che non vi fossero persone in transito o che si fossero verificate altre frane. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato