Contenuto sponsorizzato

Café de la Paix, inaugurazione a metà: ''Non ci hanno allacciato il gas, apertura rinviata''

Venerdì 5 gennaio un'anteprima: "Siamo costretti a proporvi un'apertura in 'forma ridotta' con un brindisi e un piccolo buffet". L'appuntamento alle 16 

Pubblicato il - 04 gennaio 2018 - 12:15

TRENTO. "Carissimi soci, ci rattrista dovervi informare che quella di venerdì non sarà l'inaugurazione che vi aspettavate e che noi tanto sognavamo". Sarà infatti un'inaugurazione ridotta, quasi un presidio per dire 'ci siamo' nonostante tutto. Sarà forse l'occasione per ballare la macumba e scacciare la sfortuna che sembra non voler abbandonare il Café de la Paix.

 

"Le circostanze attuali non ci permettono di accogliervi in condizioni accettabili - spiegano i giovani gestori - per colpa del mancato allacciamento del gas, che attendiamo con sempre maggiore impazienza da ormai più di un mese, tempistica che ha oltrepassato ogni nostra più pessimistica previsione".

"Siamo purtroppo così costretti a proporvi un'apertura in 'forma ridotta', che prevederà sostanzialmente un momento di formale inaugurazione, con comunicato stampa, saluti istituzionali, brindisi e piccolo buffet". Per l'inaugurazione in grande stile si dovrà aspettare, burocrazia permettendo, ancora un po'.

 

"Sarà possibile girare liberamente per il circolo per scoprire quanto e come sia stato rinnovato ma, vista la situazione, non proporremo ulteriori contenuti e il servizio bar non sarà attivo. Per scusarci dell'imprevisto, a tutti coloro che vorranno comunque passare a salutarci e oseranno sfidare il freddo pungente di questi ultimi giorni, saremo lieti di offrire un caldo vin brulè".

 

Dopo l'anteprima di domani (dalle 16 alle 20), il circolo tornerà a chiudere i battenti. "Fino a data da destinarsi - specificano i gestori - o meglio, fino a quando non si decideranno ad attivarci la fornitura del gas".

L'associazione  Dulcamara, che subentra alle due precedenti gestioni, nel progetto del nuovo Café ci crede veramente. "Forse siamo stati ingenui a programmate l'apertura senza fare i conti con la burocrazia", ammette Massimiliano Cadrobbi.

 

"Ma la richiesta di voltura è stata fatta il 28 di novembre, le telefonate sono state incessanti, abbiamo pagato anche una bolletta della precedente gestione per facilitare l'allaccio della fornitura. Ma niente - spiega - siamo ostaggi e vittime di questa situazione".

 

Ma niente drammi, la sfiga bisogna anche saperla prendere con ironia. "Sembra quasi impossibile, questo posto riserva sempre delle sorprese - afferma Cadrobbi - ma non potevamo saltare questo appuntamento, sta crescendo una grande attesa e non volevamo tradirla". 

 

Quindi a domani, venerdì 5 gennaio. Un'inaugurazione in stile ridotto con vin brulè e qualche chiacchiera. Non appena sarà allacciata la fornitura di gas si apriranno le porte e ricomincerà l'avventura del Café de la Paix, terza edizione

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 17:10

Il testo integrale dell'ordinanza del presidente della provincia di Trento ricalca in molte parti quella di Bolzano: tornano chiuse le attività al dettaglio la domenica dopo che per tutta l'estate le si era bloccate per una discussa (e forse incostituzionale) legge provinciale. Tra le raccomandazioni quella per gli over 70 di non incontrare under 30 e di non ricevere in case private persone non conviventi

26 ottobre - 15:58

Il presidente della regione Veneto ha commentato i dati odierni (oltre 1.100 contagi e 3 morti) e spiegato che secondo lui sarebbe stato meglio chiudere i centri commerciali che gli esercenti della ristorazione. E sul virus ha aggiunto: ''Va affrontato per quello che è: per noi l'emergenza sanitaria non c'è. Non c'è in Veneto''

26 ottobre - 15:45

E' successo pochi minuti prima di mezzogiorno. Sul posto si sono portati  i carabinieri, i vigili del fuoco di Grigno e i soccorsi sanitari. Il ragazzo dopo essersi ripreso è stato stabilizzato ed elitrasportato all'ospedale di Trento 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato