Contenuto sponsorizzato

Campo profughi, la Lega protesta contro la protesta: "Hanno colazione, pranzo e cena e si lamentano''

Ma qualcuno del Carroccio ammette: "Situazione invivibile, è freddo e questa struttura non è adatta a ospitare tutti questi richiedenti asilo". Fugatti: "Quando saremo al governo quelli che non hanno titolo di rimanere in Italia saranno fermati prima di arrivarci"

Pubblicato il - 09 gennaio 2018 - 20:16

ROVERETO. Davanti al centro profughi di Marco, dove qualche giorno c'è stata la protesta dai richiedenti asilo che lì ci abitano all'interno di baracche predisposte dalla Protezione civile, si è radunata la Lega Nord per protestare contro la protesta. 

 

"E' una vergogna che questi, dopo essere stati accolti, dopo che serviamo loro colazione, pranzo e cena, si lamentino di come vengono trattati". Lo dice la presidente del Consiglio comunale di Rovereto Mara Dalzocchio. "Non dico che nelle baracche stiano bene ma non sono gli unici in difficoltà".

 

"Altrimenti - spiega - è una discriminazione nei confronti dei tanti italiani che stanno male, a iniziare dai terremotati che nelle baracche ci sono da anni". Vicino a lei che Maurizio Fugatti, consigliere provinciale del Carroccio: "Mi arrivano segnalazioni di inquilini delle case Itea che dormono al freddo, perché le imposte non tengono, perché ci sono spifferi dappertutto".

 

Una signora chiede di poter leggere una lettera. "Io non credono che vivano poi così male, in situazioni disumane. Se stanno così male come dicono perché non tornano nel loro Paese?". Semplice per lei. Hanno attraversato il deserto, il mare e ora tornano indietro perché il campo profughi non li soddisfa.

 

La questione è più complessa e lo sanno sia il consigliere provinciale che il segretario roveretano Maurizio Bisoffi. "Le condizioni in cui vivono non sono dignitose - ammette - e ribadisco quello che ho già detto. Per questo non devono rimanere qui, in un numero così elevato e sistemati in questo modo all'interno di una struttura pensata per altri scopi". 

 

Gli dà ragione anche Viliam Angeli, altro esponente storico della Lega della città di Rovereto: "Onestamente questo non è il posto per tenere 200 persone dentro alle baracche. In inverno è particolarmente freddo e in estate si muore per il caldo. Questa non è la soluzione". 

 

Fugatti, che sarà candidato alle prossime elezioni politiche, sfrutta la situazione per illustrare i demeriti del governo nazionale i buoni propositi del centrodestra che nel Paese mira alla maggioranza. "Quando dicevamo che bisogna arrestare i flussi, che bisogna impedire ai barconi di partite, che si doveva prendere accordi con la Libia, venivamo additati come razzisti". 

 

Una politica che ora ha 'copiato' anche il governo Gentiloni. "Adesso l'hanno capito anche loro che avevamo ragione noi - afferma - e Minniti mette in atto le proposte della Lega". Lega che però, con il centrodestra al governo, farà molto di più.

 

"Una volta al governo, gli accertamenti sulle identità di questi profughi le faremo subito, immediatamente. Di questi, l'80% non ha diritto a rimanere qui. Chi non ha titolo di richiedere asilo sarà fermato ancora prima che arrivi sul territorio nazionale". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato