Contenuto sponsorizzato

Chi si laurea a Trento? Metà viene da fuori regione, il voto medio è di 101.9 e il lavoro si trova entro un anno

I dati del XX Rapporto Alma Laurea. Il 54,1% dei laureati ha svolto tirocini riconosciuti dal proprio corso di studi e il 20,1% ha compiuto un’esperienza di studio all’estero riconosciuta dal corso di laurea (Erasmus in primo luogo)

Pubblicato il - 18 giugno 2018 - 09:08

TRENTO. Viene da fuori regione, il 6,7% ha cittadinanza straniera, è diplomato al liceo, trova lavoro nel 75% dei casi ad un anno dalla laurea triennale. Questo il profilo di studente tratteggiato dai dati pubblicati nel XX Rapporto Alma Laurea per l'Università di Trento.

 

I laureati nel 2017 dell'Università di Trento coinvolti nel XX Rapporto sul Profilo dei laureati sono 3.520. Si tratta di 1.923 di primo livello, 1.227 magistrali biennali e 364 a ciclo unico; i restanti sono laureati dei corsi pre-riforma.

 

La quota di laureati di cittadinanza estera è complessivamente pari al 6,7%: il 3,2% tra i triennali e il 14,0% tra i magistrali biennali. Il 55,9% dei laureati proviene da fuori regione; in particolare è il 54,7% tra i triennali e il 52,7% tra i magistrali biennali. È in possesso di un diploma di tipo liceale (classico, scientifico e linguistico) il 63,0% dei laureati: è il 60,8% per il primo livello e il 60,2% per i magistrali biennali.

 

L’età media alla laurea è 25,2 anni per il complesso dei laureati, nello specifico di 24 anni per i laureati di primo livello e di 26,7 anni per i magistrali biennali. Un dato su cui incide il ritardo nell’iscrizione al percorso universitario: non tutti i diplomati, infatti, si immatricolano subito dopo aver ottenuto il titolo di scuola secondaria superiore. Il 61,5% dei laureati termina l’università in corso: in particolare è il 65,5% tra i triennali e il 64,7% tra i magistrali biennali. Il voto medio di laurea è 101,9 su 110: 99,1 per i laureati di primo livello e 106,0 per i magistrali biennali.

 

Il 54,1% dei laureati ha svolto tirocini riconosciuti dal proprio corso di studi e il 20,1% ha compiuto un’esperienza di studio all’estero riconosciuta dal corso di laurea (Erasmus in primo luogo).

 

Il tasso di occupazione di chi studia a Trento è il più alto della media nazionale e arriva a superare il 90% a cinque anni dal conseguimento della laurea magistrale, quasi tutti impiegati nel settore privato. Il 90,3% dei laureati è soddisfatto del rapporto con il corpo docente e l’85,8% ritiene il carico di studio adeguato alla durata del corso. In merito alle infrastrutture messe a disposizione dall’Ateneo, il 94,6% dei laureati considera le aule adeguate. Più in generale, il 92,0% dei laureati si dichiara soddisfatto dell’esperienza universitaria nel suo complesso. E quanti si iscriverebbero di nuovo all’Università? Il 73,0% dei laureati sceglierebbe nuovamente lo stesso corso e lo stesso Ateneo, mentre il 9,5% si riscriverebbe allo stesso Ateneo, ma cambiando corso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato