Contenuto sponsorizzato

Ciclista investito sul Ponte di San Lorenzo a Trento

L'incidente è avvenuto poco dopo le 18.30 sull'attraversamento pedonale che collega la ciclabile

Pubblicato il - 24 aprile 2018 - 19:08

TRENTO. Ancora una volta il Ponte di San Lorenzo al centro di una notizia di cronaca legata a un investimento. Ancora una volta all'altezza delle strisce pedonali che dalle 18 in poi, in questa fase dell'anno, diventano un cordone unico di corridori e ciclisti che attraversano il ponte seguendo la pista ciclabile. Quel punto è particolarmente rischioso perché tra il traffico veicolare che sempre impegna la rotonda e l'alta densità di runner e ciclisti, spesso lanciati anche a grande velocità che attraversano, il rischio di impatto è sempre molto alto. 

 

 

E anche questa volta l'incidente è avvenuto in quel punto. A scontrarsi, intorno alle 18.30, una bici e un'auto, fortunatamente senza gravi conseguenze. La macchina, infatti, è riuscita a frenare anche se un attimo dopo il leggero impatto.

 

Lo spavento è stato comunque tanto e sul posto è dovuta intervenire la polizia soprattutto, per evitare che il traffico si paralizzasse completamente. E' stata quindi chiamata l'ambulanza che è intervenuta per medicare il ciclista

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato