Contenuto sponsorizzato

Controlli antidroga all'uscita di scuola e nei parchi: 6 ragazzi finiscono nei guai

E' successo ieri a Rovereto. I carabinieri hanno bloccato dei giovani con modeste quantità di stupefacenti. Per uno di loro una denuncia penale, gli altri 5 sono stati segnalati all'autorità amministrativa come assuntori 

Pubblicato il - 13 novembre 2018 - 13:02

ROVERETO. Sei ragazzi sono finiti nei guai per possesso di modeste quantità di stupefacenti e sono stati intercettati dai carabinieri poco dopo la fine della scuola, a Rovareto. Ieri, infatti, i militari del nucleo radiomobile della locale compagnia hanno eseguito una serie di controlli finalizzati alla prevenzione dei reati in materia di sostanze stupefacenti e psicotrope, presso gli istituti scolastici della Città della Quercia.  

 

Partendo dalla fine dell'orario scolastico i carabinieri si sono spostati dalle entrate degli istituti nei parchi, frequentati dai giovani. In piazzale Orsi, nei pressi di istituto scolastico superiore di formazione professionale, è stato fermato un ragazzo italiano, B.D., appena maggiorenne, il quale è stato trovato in possesso di una pipa artigianale atta al consumo della sostanza stupefacente e dell’ulteriore stupefacente che aveva accuratamente occultato tra i vestiti dallo stesso indossati.

 

Proseguendo in questo impegno, l’attività dei militari operanti ha consentito, di individuare in piazzale Santa Maria, nei pressi di un altro istituto di istruzione secondaria, due giovani, J.B. e U.J., ventunenni di origine subsahariana, che hanno richiamato l’attenzione della pattuglia per il loro atteggiamento guardingo e circospetto. Di lì a poco, a seguito di controllo, sono stati trovati in possesso di un modesto quantitativo di sostanza stupefacente di diversa tipologia.

 

Nel corso del servizio, ai Giardini Perlasca, anch’essi non distanti da luoghi d’Istruzione e comunque zona di transito per gli studenti roveretani, veniva fermato un ventenne gambiano, C.H., il quale poco prima veniva notato cedere una dose di sostanza stupefacente a due ragazzi di cui uno ancora minorenne: inoltre venivano rinvenuti nella disponibilità del predetto dell’ulteriore sostanza stupefacente del tipo marijuana nonché del contante ritenuto provento di precedenti cessioni, elementi che portavano il giovane, colto in flagranza, ad essere deferito in stato di libertà per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

 

L’attività di cui sopra, si è quindi conclusa con una denuncia di rilevanza penale in materia di stupefacenti; mentre i 5 giovani trovati in possesso di modeste dosi di sostanze stupefacenti sono stati segnalati alla autorità ammnistrativa quali assuntori di droga.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 16:33

Il punto vendita sarà aperto in piazza Venezia 12 la prossima settimana. All'interno si potranno trovare formaggi, ortaggi ma anche un punto lettura e tanto altro

02 giugno - 12:50

Nel giorno della festa della Repubblica non poteva mancare la consueta polemica etnica alimentata dall'associazione focloristica sudtirolese, che per l'occasione ha tappezzato i cartelli ai margini della provincia di adesivi dal doppio polemico significato, contro l'ingiustizia storica subita nel 1918 e contro la gestione di Roma dell'emergenza Coronavirus. La reazione della destra italiana non è tardata ad arrivare

02 giugno - 08:53

Situazione drammatica per le tante imprese che si occupano di trasportare persone e che sono state colpite dal crisi provocata dall'emergenza sanitaria. Tra le richieste quelle di trovare soluzione per contenere le principali voci di costo e al tempo stesso lavorare su interventi in grado di stimolare una nuova domanda di trasporti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato