Contenuto sponsorizzato

Contromano a Rovereto in via Dante

Pare impossibile perché la viabilità lì è ben chiara e da anni si viaggia solo un senso eppure è successo questa sera a un furgoncino

Pubblicato il - 24 agosto 2018 - 21:05

ROVERETO. La Città della Quercia è sempre più la città dei contromano. I sensi unici, i cantieri, i cambi di direzione delle vie, la nuova viabilità, confondono non poco gli automobilisti che spesso finiscono per infilarsi per delle strade in senso vietato.

 

Qui però siamo in via Dante e le scuse sono poche. Va detto che è stata da poco rimessa a nuovo con tanto di panchine e alberelli a bordo strada ma è una delle strade più conosciute e, solitamente, più trafficate di Rovereto che girano attorno al centro storico. Fortunatamente, però, questa volta era praticamente deserta. Un furgoncino l'ha percorsa contromano circa un'ora fa.

 

Fortunatamente, perché altrimenti si sarebbe anche potuto verificare anche un incidente visto nessuno, risalendo da via Tartarotti si aspetterebbe di trovarsi di fronte un altro mezzo proveniente dall'altra direzione. Alla fine, quindi, nessuno si è fatto male e il furgoncino ha potuto girarsi e tornare sui suoi passi confermando, però, la tradizione di Rovereto come città ''difficile'' sul piano della viabilità. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

16 gennaio - 08:26

Il Trentino è "Zona Gialla" e Fugatti ha firmato una nuova ordinanza. Bar e ristoranti potranno tenere aperto fino alle 18. Non si potranno varcare i confini provinciali 

16 gennaio - 07:51

La collega che si trovava con lui ha immediatamente dato l'allarme e quando sono arrivati i sanitari sul posto Lorenzo era in arresto cardiaco. Inutili purtroppo i tentativi di rianimazione 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato