Contenuto sponsorizzato

Cortocircuito e la lavatrice va in fiamme, paura a Vigo di Fassa

L'allarme lanciato dai proprietari dell'appartamento, che hanno notato alcune perdite e infiltrazione d'acqua sul soffitto. Il pronto intervento dei vigili del fuoco volontari scongiura danni 

Pubblicato il - 13 aprile 2018 - 17:47

VIGO DI FASSA. Un grande spavento nel primo pomeriggio di venerdì 13 aprile a Vigo di Fassa, quando una lavatrice ha preso fuoco. 

 

L'allarme è scattato intorno alle 15.30, quando i proprietari dell'appartamento, che abitano al piano inferiore di quello 'sfitto', si sono accorti di alcune perdite e infiltrazioni d'acqua sul soffitto e sono andati a controllare, ma sono stati 'accolti' dal fumo proveniente dalla lavatrice.

Allarmati hanno subito interessato i vigili del fuoco volontari di Vigo di Fassa, che sono immediatamente intervenuti: prima hanno messo in sicurezza l'appartamento, quindi hanno iniziato le operazioni di spegnimento e per finire hanno azionato la ventola per liberare le stanze dal fumo.

 

Fortunatamente solo tanta paura, ma nessun ferito o intossicato. Limitati anche i danni all'immobile per il pronto intervento dei pompieri.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 13:23

Ecco quali sono le strade chiuse in provincia di Trento e il livello neve sui diversi territori. Fiumi monitorati con Brenta e Leno osservati speciali (anche se i momenti di piena sono stati venerdì notte con portate anche dieci volte superiori al normale)

17 novembre - 13:44

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19e30 di ieri, all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale 34. Nello scontro sono rimasti coinvolti due veicoli, il ferito più grave risulta essere un 33enne

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato