Contenuto sponsorizzato

Dovevano rientrare dopo la gita, ma l'autista è scomparso. Oltre venticinque uomini tra Soccorso alpino e vigili del fuoco alla sua ricerca

Le ricerche si concentrano in quell'area in quanto era stato avvistato da alcuni passanti nel primo pomeriggio, mentre l'allarme è scattato intorno alle 17.15

Pubblicato il - 18 gennaio 2018 - 20:12

LAGORAI. Dovevano rientrare a Feltre dalla gita sul Brocon, ma sono rimasti bloccati in quanto il loro autista non ha fatto ritorno dall'escursione di scialpinismo.

 

Oltre venticinque uomini tra Soccorso alpino e vigili del fuoco di zona sono alla ricerca dell'uomo di 48 anni lungo cima Cavallara.

 

Le ricerche si concentrano in quell'area in quanto era stato avvistato da alcuni passanti nel primo pomeriggio, mentre l'allarme è scattato intorno alle 17.15 alla chiusura degli impianti, quando i ragazzi non hanno visto l'uomo rientrare.

 

L'uomo, dopo aver accompagnato la comitiva dello Ski team, si era diretto verso la cima per praticare sci alpinismo. I ragazzi sono riusciti a rientrare a Feltre, mentre le ricerche sono ancora in corso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 luglio - 06:01

Consegnata al presidente del Consiglio provinciale un'interrogazione sull'acquisto ed il mancato utilizzo di 52 posti auto per i dipendenti dell'ospedale di Rovereto. Non sarebbero stati finora utilizzati

 

21 luglio - 19:27

Dopo la boutade di Sgarbi che aveva definito il planetario “tre palle su un prato” ecco la mossa del Muse che incassa già alcuni endorsement importanti come quello dell’astronauta Samantha Cristoforetti: “Evento importante per la città di Trento e non solo”. Lanzinger: “Un unicum per tecnologia e innovazione”

21 luglio - 12:18

La storia della squadra di calcio che è diventata un esempio di inclusione e dialogo interculturale vista attraverso gli occhi di Youness Et-tahiri che per un anno ha giocato con il team di Trento e che adesso sta per trasferirsi in un altro club, ma che fa sapere: “Questo è solo un arrivederci”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato